Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

AgendaFilleaFlickrFilleaTubetwitter 34x34facebook 34x34 newslettermail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Proseguono le iniziative di mobilitazione in difesa di 3mila posti di lavoro delle concessionarie autostradali. Oggi a Genova  consegnata una lettera al segretario del Pd, in visita al Bisagno       

 

Il testo della lettera aperta al Segretario del Pd Matteo Renzi, firmata dai lavoratori delle concessionarie autostradali di Genova:

La drammatica situazione che rappresentiamo riguarda oltre 3000 lavoratori dipendenti delle società che lavorano nel settore delle concessioni autostradali.
Il nostro posto di lavoro è oggi messo seriamente a rischio da una norma del Nuovo Codice degli appalti, che ha introdotto l’obbligo per i concessionari delle autostrade di affidare l’80 per cento dei lavori attraverso le gare, e solo il 20% direttamente.
Siamo i lavoratori e lavoratrici che operano da tanti anni, maturando professionalità e specializzazione nei cantieri di giorno e di notte, estate ed inverno, per garantire il diritto alla mobilità di persone e merci.
Non siamo contrari al principio che ispira il Codice, finalizzato a rafforzare trasparenza ed efficienza in un settore molto delicato per la vita del Paese.
Affermiamo però che la percentuale introdotta prevista produca un salto troppo brusco rischiando di scaricare gli effetti sull’anello più debole della catena. E cioè sul lavoro e su noi lavoratori.
In vista della prossima entrata in funzione del nuovo meccanismo, ad aprile, presso il MISE sono già state depositate diverse centinaia di procedure di licenziamento, alcune delle quali già di fatto attivate.
Nel corso dei mesi passati, abbiamo avviato un’azione volta a sensibilizzare il Parlamento ed il Governo sulla necessità di rivedere quella norma per ammorbidirne l’impatto.
La nostra azione ed i nostri argomenti hanno convinto i nostri interlocutori, al punto che l’emendamento firmato dai Senatori Borioli, Esposito e Santini e da altri parlamentari, presentato prima sul decreto fiscale e ora ripresentato sulla legge di bilancio, scaturisce in sintesi da un percorso condiviso ai tavoli del MIT e del MISE e poi inopinatamente bocciato in dirittura d’arrivo sul decreto fiscale.
In questi giorni lo stesso testo ripresentato sulla Legge di bilancio, sempre in Senato, rischia di saltare ancora. E con esso tanti posti di lavoro.

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.

captcha 

facebook

mail

twitter

you tube

busta paga

newsletter

flickr

agenda