Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

AgendaFilleaFlickrFilleaTubetwitter 34x34facebook 34x34 newslettermail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Concluso l'incontro al Mise sulla crisi di Condotte. L'azienda annuncia la Cig, i sindacati accusano: vertici inadatti a gestire la vertenza. Sciopero e presidio con 200 lavoratori                                    

“Pensare di rassicurare i 3.000 dipendenti di Condotte chiedendo al Tribunale la proroga di 60 giorni per la presentazione del piano per il concordato preventivo e annunciando la Cassa integrazione è francamente assurdo e inaccettabile. I vertici dell’azienda dimostrano solamente di non essere più in grado di gestire la situazione, ne prendano atto”. A dichiararlo sono le segreterie nazionali di FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil, al termine del Tavolo di crisi al Mise, convocato per affrontare la difficilissima situazione finanziaria del gruppo di costruzioni, il terzo in Italia. “Condotte ha annunciato la volontà di costituire una bad company per la gestione delle commesse ultimate, ed una newco per le commesse già operative e da avviare. Per noi ogni è indispensabile la presentazione del piano industriale, nel quale l’azienda dovrà finalmente indicare con chiarezza il futuro suo e dei suoi dipendenti. Fino a quel momento ogni decisione e ogni annuncio rischiano di creare ulteriore confusione e di allarmare ancor di più le 3.000 famiglie coinvolte, e riteniamo indispensabile un confronto con i potenziali investitori, vale a dire il fondo Oxy e le banche”, concludono i tre sindacati. Oggi i lavoratori di Condotte hanno incrociato le braccia per 8 ore per lo sciopero proclamato dai sindacati, mentre al Mise, in concomitanza con l’incontro, è andato in scena un presidio di circa 200 lavoratori giunti da tutta Italia. Il Tavolo si riunirà nuovamente il prossimo 18 giugno.        

Vai al servizio del TG3 >

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.

captcha 

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter