Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

AgendaFilleaFlickrFilleaTubetwitter 34x34facebook 34x34 newslettermail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Lavori pubblici in crescita nel primo quadrimestre 2018. Ora rinnoviamo il contratto, scaduto da due anni e poi apriamo un confronto con il nuovo Governo per agire sul consolidamento della ripresina       

 

“I dati dell’osservatorio Cresme sui lavori pubblici rappresentano una positiva notizia: nel primo quadrimestre 2018 continuano a crescere bandi e importi dei lavori per un valore di 7,043 miliardi. Rispetto allo stesso periodo del 2017 il numero di gare aumenta del 17,5% e l'importo del 33,2 per cento. In particolare tutte le classi d'importo chiudono il primo quadrimestre con segni positivi”.
Così commenta Alessandro Genovesi, Segretario Generale della Fillea Cgil a latere dell’iniziativa che si è svolta stamane a Roma sulle buone pratiche in materia di tutela dei lavoratori in distacco comunitario, promossa dall’Università Ca’ Foscari di Venezia e dell’Unione Europea. 

Per il segretario degli edili Cgil “ora è il momento di dare al settore e ai lavoratori dell’edilizia un buon contratto collettivo dopo due anni dalla scadenza. Un CCNL che dia risposta sul piano dei diritti e delle tutele, sulla qualificazione di impresa e del sistema bilaterale e soprattutto sul salario, guardando alla ripresa che, pur con mille contraddizioni, si comincia a vedere”.

“Chiuso, speriamo presto e bene il contratto, dovremmo poi, tutti insieme – sindacati, imprese, istituzioni locali – aprire un confronto con il nuovo Governo affinchè la ripresina si consolidi. Soprattutto in un settore così strategico come l’edilizia e l’intera filiera delle costruzioni, traducendosi – conclude Genovesi – in migliore e maggiore occupazione e in più qualità per le imprese sane e corrette”

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.

captcha 

facebook

mail

twitter

you tube

busta paga

newsletter

flickr

agenda