Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

AgendaFilleaFlickrFilleaTubetwitter 34x34facebook 34x34 newslettermail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Le regole si scrivo insieme, non solo con una parte: così Alessandro Genovesi dopo l'incontro tra il ministro Toninelli ed Ance                                    

“Sul futuro del settore delle costruzioni, dal codice degli appalti alle politiche industriali, ci auguriamo che il Ministro Toninelli senta il bisogno di confrontarsi anche con i lavoratori ed i sindacati che li rappresentano e non solo, legittimamente, con le associazioni di impresa”. Così dichiara Alessandro Genovesi, Segretario Generale della Fillea Cgil, il principale sindacato del settore delle costruzioni, dopo che il Ministro per le Infrastrutture ha comunicato di aver incontrato una delegazione dell’Ance, l’associazione dei costruttori di Confindustria.

“Forse il cambiamento potrebbe partire dal fatto che ci si preoccupi di sapere cosa pensano, per il loro futuro, i diretti interessati, a partire da quegli operai e quegli impiegati che potrebbero dare più di un consiglio utile al Governo. Magari la qualificazione del settore potrebbe passare anche per la lotta al dumping contrattuale, all’abuso di partite iva, alla lotta al lavoro nero. Magari ci si potrebbe confrontare sulla buone pratiche in materia di lotta al dissesto idrogeologico e per la messa in sicurezza antisismica, già oggetto di molte comuni iniziative fatte con il sindacato. Magari la qualificazione del sistema potrebbe passare anche da una qualificazione delle stazioni appaltanti valorizzando clausole sociali e appalti verdi o magari dando attuazione all’art. 105 del Codice Appalti sulla Congruità, primo strumento di contrasto al lavoro nero e agli infortuni. Magari il rilancio del settore e quali politiche per le grandi opere sono aspetti tra loro intrecciati, così come la continuità o meno dei piani industriali di Anas o Ferrovie”.

“In sintesi: se il Governo sta avviando una fase di confronto bene, siamo certi che dopo aver sentito le associazioni delle imprese si sentiranno anche i rappresentati dei lavoratori. Se così non sarà – conclude Genovesi – il Ministro sta partendo con il piede sbagliato e noi troveremo altri modi per far sentire la nostra voce”.

 

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.

captcha 

facebook

mail

twitter

you tube

busta paga

newsletter

flickr

agenda