Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

AgendaFilleaFlickrFilleaTubetwitter 34x34facebook 34x34 newslettermail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Una giornata di mobilitazione con 500 lavoratori sotto il Mit, provenienti dai cantieri liguri e piemontesi del Terzo Valico. Poi l'incontro con il ministro Toninelli. Il comunicato di Fillea Filca Feneal                                   

INCONTRO TONINELLI - SINDACATI SU TERZO VALICO. FENEAL FILCA FILLEA: 4MILA LAVORATORI SONO APPESI ALL’ANALISI DEI COSTI - BENEFICI. 

Sono dovuti scendere in piazza in 500 davanti al ministero dei Trasporti, provenienti dai cantieri del Terzo Valico della Liguria e del Piemonte, per riuscire ad ottenere l'incontro con il Ministro Toninelli che FenealUil Filca Cisl Fillea Cgil avevano richiesto per avere chiarimenti circa il mancato trasferimento delle risorse per la realizzazione del quinto lotto costruttivo della Milano-Genova. 

Un incontro in cui, spiegano le segreterie nazionali dei sindacati “il Ministro ci ha detto che la continuità è garantita fino a fine gennaio e che tra qualche giorno il Governo ci dirà, dopo l' analisi costi-benefici, cosa intende fare della tratta Alta Velocità Genova –Milano, opera che ricordiamo è in larga parte già realizzata.”

“Restano dunque “appesi” all’analisi costi-benefici 4mila lavoratori, tra diretti ed indotto, ed il futuro di una infrastruttura strategica per i collegamenti interni ed europei che è necessario completare.  Abbiamo chiesto al Ministro Toninelli garanzie - proseguono i sindacati -  affinchè nessun posto di lavoro sia messo in discussione. Ci aspettiamo di essere a breve convocati sull’esito dell’analisi e sulla crisi complessiva di un settore che necessita di interventi e di chiarezza sulle politiche infrastrutturali ed in generale sullo sviluppo del Paese. L’incertezza non aiuta così come la mancanza di prospettive certe. La mobilitazione continua così come alta rimane la guardia a difesa del lavoro e del Paese. Ci aspettiamo risposte nei prossimi giorni, altrimenti siamo pronti a nuove mobilitazioni” concludono le segreterie nazionali degli edili Cgil Cisl Uil.

La Rassegna Stampa del giorno dopo >

il servizio sul TG3 >

Il servizio su Tg5 >

Rassegna sindacale >

 

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.

captcha 

facebook

mail

twitter

you tube

busta paga

newsletter

flickr

agenda