Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

AgendaFilleaFlickrFilleaTubetwitter 34x34facebook 34x34 newslettermail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Sottoscritto da sindacati e Confapi-Aniem il verbale di accordo che integra e completa l’intesa del 25 settembre scorso per il rinnovo del CCNL Lapidei Escavazione delle PMI                                            

Lo fanno sapere con una nota unitaria FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil, soddisfatti del risultato raggiunto.

In materia di relazioni industriali, spiegano i sindacati “si rivaluta il  ruolo della contrattazione nazionale e si avvia una fase di studio con la volontà di arrivare ad un unico Ccnl armonizzato per il comparto PMI Confapi dei materiali da costruzione (cemento, lapidei, laterizi).”

Si conferma l'importante ruolo della contrattazione di secondo livello che potrà svolgersi a livello aziendale e territoriale. Per garantire, in un contesto di piccole imprese, una maggiore conoscenza e partecipazione dei lavoratori all'organizzazione del lavoro ed ai piani industriali aziendali, viene abbassato il limite occupazionale (che scende a 20 addetti) per il diritto alle informazioni.

Viene ribadito il “ruolo strategico della bilateralità come sistema per l’erogazione di prestazioni di welfare contrattuale a sostegno di un miglioramento della qualità e degli stili di vita dei lavoratori, della sicurezza e della prevenzione, della responsabilità

sociale d’impresa, anche nell’ottica della sostenibilità ambientale” proseguono i sindacati.

Dal versante retributivo “l’aumento a regime al livello 136 è di di 98€, diviso in tre tranche. Saranno inoltre erogate dalle aziende, con la mensilità di marzo 2019, ulteriori 200,00€ a titolo di una tantum.” per promuovere la piena adesione al fondo previdenza da parte dei lavoratori ancora non iscritti.

Sulla sanità integrativa, gestita tramite il Fondo Altea, obbligatoria per tutti gli addetti e con un contributo a carico delle aziende che dal 1 ottobre 2018 è passato da 8 a 10 euro  “sarà messo a disposizione dei lavoratori, da gennaio di quest’anno, il Piano Sanitario Standard” mentre sulla Previdenza complementare Fondapi “viene migliorata la base di calcolo per la contribuzione e da gennaio 2019 sarà conteggiata sulla retribuzione utile al calcolo del TFR.”

Viene poi introdotta, in linea con quella del settore edile, l' estensione della copertura previdenziale, per promuovere la piena adesione al fondo previdenza da parte dei lavoratori ancora non iscritti, con l’adesione contrattuale alla previdenza complementare Fondapi per tutti i lavoratori del settore, tramite un contributo iniziale straordinario di 150,00€ a carico solo delle aziende,  le cui modalità  saranno definite in un apposito incontro entro il mese di marzo. La misura sarà poi introdotta anche ne i comparti del cemento e dei laterizi/manufatti nella fase di avvio del rinnovo contrattuale a partire dalla data di sottoscrizione del prossimo Ccnl unico di settore.

La scadenza del contratto è stata allineata a  quella del Ccnl Laterizi e Manufatti (30 giugno 2019), passo necessario per arrivare ad un unico contratto nazionale di settore.

Il testo sottoscritto >

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.

captcha 

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter