Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

edilizia logo 1200

 Il 15 novembre, a distanza di otto mesi dallo sciopero generale, i lavoratori delle costruzioni tornano in piazza con FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil per chiedere il rilancio del settore.  

Il 15 novembre edili Cgil Cisl Uil in 100 piazze italiane per chiedere il rilancio del settore. Lo hanno deciso a Roma i circa 500 partecipanti giunti da tutta Italia per gli Attivi unitari delle tre categorie

Crisi industria. Genovesi, Fillea Cgil: il dramma Ilva conferma necessità di politiche di sistema. Nelle costruzioni perso un patrimonio di operai pari ad 80 Ilva, è ora di intervenire      

Slider

30.11.15 " C'è da restare sconcertati oltre che indignati di fronte alla ennesima offesa nei confronti delle vittime della fibra killer dell'amianto, ai tanti lavoratori morti per mesotelioma e ai tanti ancora superstiti ma affetti da questa terribile malattia. Ai familiari morti per contagio, alle centinaia e migliaia di famiglie che riponevano, e continuano a riporre, fiducia nella giustizia e nello Stato." E' quanto afferma Giovanni Sannino, segretario generale della Fillea Campania, che prosegue

"Ancora una volta si mostra incomprensibile indulgenza nei confronti del magnate svizzero, Stephan Schmidheiny, responsabile moralmente, storicamente e fattualmente di migliaia e migliaia di omicidi di lavoratori nelle sue fabbriche di amianto, ricavandone profitto a buon mercato."

"Solo le maglie della giustizia non si sono chiuse con la giusta sanzione per il padrone dell' amianto - prosegue - prima con la prescrizione a Bagnoli, dove ci sono state 540 vittime accertate e una devastazione ambientale inaudita, nel primo processo poi capovolta nell'appello. Poi con la prescrizione tombale del processo in cassazione con una sentenza a dir poco discutibile. Adesso derubricando il reato da omicidio volontario a colposo e spacchettando il processo in quattro tronconi, con i problemi che questo implica."
È un modo come un altro "per farla passare liscia al principale responsabile di tanto lutto e dolore" conclude Sannino "ci resta l'unica soddisfazione, se così possiamo definirla, del rinvio a giudizio deciso dal GUP, che ci consente come Sindacato e come Associazione Mai Più Amianto, sorta a Bagnoli qualche anno fa, di dire che non lasceremo nulla di intentato per ottenere giustizia e dignità."

 

IL TUO CONTRATTO

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter