Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

edilizia logo 1200

Crisi di governo. Non si gioca a poker con il futuro del Paese, con la crisi a rischio la ripartenza del settore delle costruzioni: così Alessandro Genovesi su Collettiva.it        

Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza: la nuova bozza va nella direzione giusta, su infrastrutture e proroga 110 serve continuità. La dichiarazione di Alessandro Genovesi.      

Buone notizie dal Parlamento, che accoglie la proposta di estendere il superbonus 110% agli interventi per l'abbattimento delle barriere architettoniche per la mobilità di disabili e over 65.    

Slider

02.11.11 Superate abbondantemente le scadenze previste dai CCNL per le decorrenze dei contatti integrativi provinciali del settore edile. Una situazione che per la Fillea Cgil è inaccettabile, come denuncia Mauro Livi, segretario nazionale "nella maggioranza dei territori i tavoli negoziali sono ancora chiusi e, laddove il confronto si è avviato, i risultati sono insoddisfacenti. Unitariamente, con Filca e Feneal, abbiamo più volte sollecitato l'avvio dei negoziati, ma senza avere risposte sufficienti. Il risultato è che ad oggi, dei 177 tavoli per i rinnovi provinciali e territoriali, se ne è chiuso soltanto uno, quello della provincia di Pesaro.”
E proprio per sollecitare le parti datoriali ad accelerare i tempi, lo scorso 3 ottobre oltre 500 delegati di Fillea Filca Feneal si erano ritrovati a Roma, decidendo all’unanimità di dare vita ad una serie di mobilitazioni sul territorio. Si partirà il 4 novembre con un “presidio davanti la sede Ance della Campania, a partire dalle ore 10, mentre nei prossimi giorni nelle altre regioni si decideranno le date dei presidi territoriali, alcuni dei quali – ad esempio in Lombardia -  in calendario già per il mese di novembre" prosegue il segretario Fillea, che ricorda come  “le relazioni sindacali o sono corrette o non esistono. Non ci sono temi o problemi di cui si può discutere ed altri no.  Se le relazioni sono queste ne prendiamo atto e andiamo avanti per la nostra strada assumendo le decisioni più opportune. Sempre disponibili a cambiare atteggiamento se gli atteggiamenti delle controparti cambieranno" ma per gli edili della Cgil  "il tempo è scaduto e la crisi de settore non può essere l'alibi per cancellare un diritto sacrosanto dei lavoratori.”

IL TUO CONTRATTO

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter