Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

lapidei titolo 1200

Siglata l'ipotesi di accordo del contratto unico dei materiali da costruzioni per i 15mila addetti delle piccole e medie imprese. Sindacati: un lungo lavoro che ha dato ottimi frutti.      

Come sta andando con i protocolli di sicurezza e quali criticità si riscontrano: un primo rapporto Fillea con un campione di 160 aziende del legno-arredo, cemento, lapidei, laterizi.      

Sottoscritto da sindacati, Confindustria Marmomacchine, Anepla un protocollo per la ripartenza in sicurezza del settore. Istituiti i CAR in tutte le aziende. Il giudizio positivo di Fillea Filca Feneal.

Slider

Rinnovata la parte economica del  Contratto Nazionale del settore lapidei-escavazione. Sindacati: si va verso il contratto unico dei materiali da costruzione                          

 

 

I sindacati di categoria FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil, insieme a Confapi Aniem, hanno rinnovato la parte economica del contratto nazionale Lapidei-Escavazione. Un rinnovo importante perché la scadenza del contratto è stata allineata a quella del Ccnl Laterizi e Manufatti (30 giugno 2019), passo necessario per arrivare ad un unico contratto nazionale per il comparto PMI Confapi dei materiali dal costruzione (cemento, lapidei, laterizi). “L'aumento a regime al livello 136 – dichiarano le segreterie nazionali dei tre sindacati - è di 98 euro in tre tranche, da settembre 2018 a fine vigenza. La sanità integrativa, già obbligatoria per tutti gli addetti, metterà a disposizione dei lavoratori il Piano Sanitario standard gestito da Fondo Altea a partire da gennaio 2019 (il contributo a carico delle aziende passa, dal 1° ottobre 2018, a 10 euro dagli 8 attuali). Migliorata anche la base di calcolo per la contribuzione a FONDAPI (previdenza complementare), che sarà la retribuzione utile al calcolo del TFR a partire da gennaio 2019. La gestione del pregresso (il contratto era scaduto il 31 marzo 2016) è la vera innovazione per il comparto: dal mese di ottobre – spiegano Feneal, Filca, Fillea - si avvierà un confronto tra i sindacati, Confapi e Fondapi, per introdurre l'adesione contrattuale alla previdenza complementare, tramite un contributo a carico solo delle aziende, per tutti i lavoratori del settore, in linea con quanto introdotto nel settore edile. La misura sarà poi introdotta anche nei comparti del cemento e dei laterizi/manufatti nella fase di avvio del rinnovo contrattuale. Il 18 ottobre è fissato l'incontro con la direzione di Fondapi: sarà l’occasione per sancire l'avvio di un unico tavolo contrattuale per il settore materiali da costruzione”, concludono Feneal, Filca, Fillea. 

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter