Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Alessandro Genovesi agli  "Stati generali" Cgil per la manutenzione del territorio: serve una vera Casa Italia, esperienza terremoto può essere modello innovativo                  

 “Il vero Jobs Act di cui avrebbe bisogno il Paese è un Piano straordinario per la manutenzione del territorio e la messa in sicurezza del costruito, creando occupazione di lungo periodo e favorendo la crescita di imprese specializzate ed innovative. Occorre ripartire da una vera Casa Italia, programma pluriennale di interventi coordinati e di risorse significative, per mettere in sicurezza il territorio e il patrimonio edificato. In termini energetici, anti sismici, di salubrità e di riconversione dei materiali. Un volano per rendere attrattive le nostre aree interne, attrarre investimenti e valorizzarne le vocazioni produttive”. E' quanto ha affermato Alessandro Genovesi, Segretario Generale della Fillea Cgil, intervenendo agli "Stati generali della Cgil per la manutenzione del territorio e lo sviluppo delle aree interne", in corso di svolgimento a Corso d'Italia.

“Si può fare tutto questo a patto, però, di farne una priorità all’interno delle scelte di Bilancio, coordinando il buono che c’è (pensiamo a tutti gli strumenti per incentivare la domanda privata: eco bonus, bonus ristrutturazioni, bonus sismico, nuove norme tecniche), migliorandolo (va generalizzata la cedibilità dei crediti alle banche, va incentivata la qualificazione delle imprese) e inserendolo in una strategia più ampia che vada da “Connettere l’Italia” del MIT ad “Italia Sicura” al “Piano Scuole” fino ad un maggiore selettività delle risorse comunitarie e alla qualificazione delle stazioni appaltanti e del relativo personale”.

 Una scelta così lungimirante  "è realizzabile grazie ad una produzione normativa che dal nuovo Codice degli Appalti alle stesse normative per la ricostruzione delle aree colpite dal Sisma 2016,  anche per il positivo lavoro del Commissario Errani prima e De Micheli poi, metta al centro la qualità del territorio, la selezione di impresa, il rispetto dei contratti collettivi, la lotta al lavoro nero. Servono però più investimenti - ha proseguito Genovesi -  serve un confronto costante tra istituzioni, forze produttive e comunità locali. Serve un maggiore protagonismo delle Regioni. Serve completare un quadro di norme efficaci contro la criminalità e l’illegalità (dopo il nuovo codice antimafia mancano ancora le terze linee guida da parte del Ministero degli Interni sul cratere). Come al solito la Fillea Cgil ed il sindacato tutto faranno la propria parte, con proposte e disponibilità per portare avanti una strategia al servizio dello sviluppo del Paese” ha concluso il numero uno deli edili Cgil.

 

VAI ALL'INTERVENTO COMPLETO >>