Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Dopo gli attacchi del ministro Salvini alla legge 199 contro il "caporalato". Il Direttivo Fillea approva Odg: non pemetteremo a nessuno di intaccare una conquista così importante                          

TESTO DELL'ORDINE DEL GIORNO, APPROVATO ALL'UNANIMITA' DAL DIRETTIVO FILLEA IL 16 GIUGNO 2018

Il Comitato Direttivo della Fillea Cgil Nazionale, riunito a Roma il 15 Giugno 2018, esprime la massima condanna per l’attacco alla Legge 199/16 sull’Intermediazione illecita e lo sfruttamento del lavoro (Caporalato) condotto in più di una occasione dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini. 

Questa legge è frutto di una lunga battaglia intrapresa dalla Flai e dalla Fillea e finalmente, dal novembre 2016 con la modifica dell’Art. 603-bis del Codice penale  anche le imprese sono punibili per lo sfruttamento e l’intermediazione illecita di manodopera. 

La legge 199 non complica e non intralcia l’economia fatta di molte imprese sane e oneste del paese, semplificare la legge non è sinonimo di meno corruzione, come va sostenendo, chi attacca e chi sta tentando di demolire un impianto normativo che, finalmente, punta a stroncare alla base il fenomeno dello sfruttamento dei lavoratori e delle lavoratrici non solo in agricoltura e nell’edilizia ma di tutti i settori del mondo del lavoro.

Non permetteremo a nessuno di intaccare una conquista del sindacato così importante.

Per questo la Fillea proporrà a Filca e Feneal di mettere in campo azioni di mobilitazione, ed insieme alle categorie dell’agricoltura e le confederazioni, di difesa della legge da ogni tentativo da parte delle associazioni datoriali e/o del governo di indebolirla o cancellarla.