Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Genovesi sulla vicenda concessionarie autostradali: qualunque scelta farà il Governo, priorità a salvaguardia occupazionale e continuità. L'intervento a Radio Anch'io - Rai 1                  

 

“Qualunque scelta faccia il Governo, la salvaguardia totale dell’occupazione, la continuità industriale e la sicurezza delle strade dovranno essere le priorità” è quanto dichiara il segretario generale degli edili Cgil Alessandro Genovesi, intervenendo sulla vicenda Autostrade.

“Se la concessione dovesse rimanere in capo ad Aspi (indipendentemente dalle soluzioni sugli assetti societari), dovranno essere garantiti quindi tutti i livelli occupazionali dei settori  manutenzioni e costruzioni, progettazioni,  attività di sorveglianza e relativi servizi connessi, ovvero nessuno escluso. E dovranno essere confermati ed implementati gli investimenti annunciati dall’ultimo Piano Industriale. Da troppe parti si comincia a parlare di salvaguardare solo una parte dei dipendenti del gruppo e non tutti. Così non va”. 

ScioperoAppaltiAutostradaliQualora il Governo decidesse per la revoca della concessione e l’assegnazione provvisoria ad Anas in attesa di una nuova gara internazionale "sia chiaro che la strada migliore, per non dire l’unica, atta a garantire la tutela degli oltre 8 mila lavoratori delle diverse aziende del gruppo, la continuità salariale, il rispetto del CCNL edile, non potrà che essere quello della costituzione di una società ad hoc, che non disperda le professionalità ed i profili industriali. Così come dovrà essere inserita una specifica e rigida clausola sociale nell’eventuale nuovo bando di gara” prosegue il segretario Fillea, sottolineando che “nel rispetto di tutti gli interessi in campo, deve prevalere quello generale che non può non partire dalla difesa di chi materialmente assicura la funzionalità delle nostre infrastrutture in totale sicurezza per i cittadini.  Su questo, come Fillea siamo pronti, auspicabilmente anche a livello unitario, alla mobilitazione, chiamando tutte le lavoratrici e lavoratori a manifestare a Roma, già dai prossimi giorni” conclude il leader degli edili Cgil.

Genovesi a Radio Anch'io del 15 luglio 2020 >