Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Sindacato Nuovo, Aprile 2021. Occhi puntati sulla gestione delle risorse naturali e l’approvvigionamento delle materie prime. Di Tatiana Fazi | Segretaria nazionale Fillea Cgil.

Il PNRR condizionerà gli investimenti dei prossimi decenni, focalizzandosi in larga misura su due “missioni”, digitalizzazione e transizione verde. Si dovrà avere la capacità di guardare lontano; le risorse le stiamo prendendo in prestito dai nostri figli e nipoti e per questo abbiamo una grande responsabilità. 

Sarà necessario, in queste “missioni”, sfruttare al meglio le risorse investendole in riduzione dell’inquinamento, con l’utilizzo di energie rinnovabili, con la gestione dei rifiuti tramite il riciclo degli scarti di produzione, la ricerca di prodotti green, la digitalizzazione dei processi, nella formazione delle lavoratrici e lavoratori per trasmettere le nuove competenze tecnologiche e digitali, in un equilibrio che dovrà mantenere l’uomo al centro dell’organizzazione del lavoro.

L’industria del legno, del cemento e in parte dei lapidei è impegnata già da tempo in processi di digitalizzazione, di sviluppo sostenibile, di riutilizzo delle risorse, di ricerca di nuovi materiali che oggi possono trovare nuovo slancio in una strategia più complessiva, in questa direzione, dell’intero Paese. La stessa vertenza per salvaguardare le capacità di ricerca di Heidelberg-Italcementi va letta dentro questo scenario industriale. 

Prosegui la lettura, Sindacato Nuovo pag. 11 >