Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

19.01.12 Non si sblocca la vertenza dei lavoratori di Opere Pubbliche che non ricevono lo stipendio da novembre e hanno proclamato lo sciopero a oltranza fermando i lavori del carcere a Uta.

Ieri doppio incontro dei segretari di categoria Chicco Cordeddu, Gianluca Cotza e Samuele Piras: prima con i dirigenti del Provveditorato del ministero delle Infrastrutture in viale Colombo e poi, in Consiglio regionale, con la presidente Lombardo e i capigruppo. Ai dirigenti del Provveditorato i sindacalisti hanno chiesto di capire quali fossero le intenzioni del ministero di fronte al comportamento della società Opere Pubbliche. Negli uffici di viale Colombo è stato riferito che, già nei giorni scorsi, dopo le richieste formali di Fillea, Filca e Feneal, sono partiti due ordini di servizio per la società Opere Pubbliche, affinché regolarizzasse i pagamenti. Al momento però, pare non sia arrivata alcuna risposta da parte dell’azienda. Secondo la prassi, di fronte a un simile comportamento, il ministero procede alla rescissione contrattuale: l’auspicio del sindacato è che la vertenza si chiuda positivamente prima che ciò avvenga. “Siamo di fronte a un paradosso – hanno commentato Chicco Cordeddu, Gianluca Cotza e Samuele Piras – c’è l’appalto, ci sono le risorse e anche una prospettiva di ulteriori finanziamenti per ampliare l’opera, l’atteggiamento di Opere Pubbliche è assurdo”. Per queste ragioni i segretari di categoria si sono rivolti alle istituzioni di tutti i livelli e oggi sono stati ricevuti dal Presidente del Consiglio Claudia Lombardo e dai capigruppo che hanno preso l’impegno di attivarsi per portare la vertenza all’attenzione dei soggetti competenti. Lunedì prossimo invece, ci sarà un incontro con presidente e giunta provinciale di Cagliari. Nel frattempo, prosegue lo sciopero dei 55 lavoratori e il sindacato non esclude una mobilitazione a Roma sotto la sede del ministero.

Fonte: rassegna sindacale

 

Vai alla trasmissione Radio Fillea, ospiti Chicco Cordeddu ed un delegato del cantiere

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter