Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

 "A Firenze stiamo perdendo il treno della ripresa del lavoro regolare. Stimiamo che almeno il 25% dei circa 9.000 edili del territorio, pur essendo formalmente assunti, vengono pagati con la cosiddetta paga globale: hanno un contratto formalmente in regola, ma sostanzialmente devono accordarsi col datore per il compenso. Che significa? 5-8 euro per ora effettiva di lavoro, circa 500 euro in meno di stipendio medio mensile, evasione contributiva e fiscale di 250 euro al mese. Risultato: vantaggio competitivo irregolare sul costo del lavoro di 750 euro per mese a lavoratore": è la denuncia di Marco Benati, segretario generale Fillea Cgil Firenze, stamani durante il congresso della categoria presso la Camera del lavoro, che si è concluso con l'elezione del nuovo segretario generale, Marco Carletti, una lunghissima esperienza in Fillea, sia territoriale che nazionale. 

"Questi dati non sono stime generiche, ma una sintesi dei controlli e delle vertenze che stiamo purtroppo affrontando, con un significativo aumento nell'ultimo anno. Infatti, alla ripresa degli investimenti pubblici e privati a Firenze nel nostro settore, non stiamo assistendo a una corrispondente ripresa dei lavoratori e delle ore di lavoro iscritte presso la Cassa edile. L'intermediazione di manodopera e lo sfruttamento, e quindi la concorrenza sleale tra imprese, sono sempre più la regola nei cantieri fiorentini. Una parte non marginale del tessuto produttivo dell'edilizia a Firenze è compromessa da questo punto di vista", ha aggiunto il dirigente sindacale. L'esponente Fillea ha chiesto un impegno agli enti preposti: "Negli ultimi mesi, abbiamo presentato due segnalazioni dettagliate agli organi competenti. Riteniamo che a Firenze, proprio per il preoccupante livello d'irregolarità e concorrenza sleale, con una forte e seria condivisione tra parti sociali del settore e delle stesse istituzioni locali, possiamo subito: chiedere al Prefetto di aprire un tavolo per definire una stagione di verifiche e indagini nei grandi e piccoli cantieri, con una task force dedicata di ispettori, come già avvenuto con ottimi risultati nel settore tessile fiorentino e pratese; chiedere al Comune di favorire la sottoscrizione di impegni per la regolarità e la promozione del lavoro e dell'impresa locale ai molti investitori privati, che hanno ottenuto e otterranno importanti concessioni edili nella nostra città". 

Fonte: rassegna.it

La relazione di Marco Benati 

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter