Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

Si è svolto il 9 ottobre, il XIX Congresso provinciale della Fillea Cgil di Parma che ha riconfermato Antonino Leone, a stragrande maggioranza, segretario generale della categoria. Il dibattito congressuale hapermesso di definire le linee di indirizzo della categoria degli edili per il prossimo quadriennio, nel quale l'organizzazione si impegna a proseguire una discussione chiara e senza ambiguità sulla definizione dei perimetri contrattuali per combattere il fenomeno del dumping contrattuale, prevedendo una riduzione dei CCNL e abbracciando la filosofia di un unico contratto per settore di appartenenza, anche partendo da una legge sulla rappresentanza che definisca e delimiti i perimetri di applicazione dei vari CCNL e dia seguito all'applicazione dell' erga omnes. In specifici contesti lavorativi (cantieri) bisogna arrivare all'applicazione del contratto leader. In Emilia Romagna la crisi del settore edile non è ancora terminata, l'impegno della categoria è quello di lottare a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori affinché si affermi qualità e dignità del lavoro e il mantenimento dei livelli occupazionali, senza arretrare sui diritti, confermando la linea politica della categoria della non derogabilità dell'"Art 2112". La Fillea Cgil è convinta, pur in un contesto molto complicato per il settore dell' edilizia, che occorra ripensare strategicamente a tutta la filiera delle costruzioni, cambiandone le coordinate e puntando decisamente sul recupero e sul riuso, sulla preservazione del territorio, sulla qualificazione urbana, sul recupero e sulla bonifica delle aree dismesse o inquinate, sulla messa in sicurezza dal rischio sismico ed idrogeologico, sul risparmio energetico e sulla produzione di energie rinnovabili. Inoltre, anche alla luce dei fatti accaduti nei mesi scorsi (Genova), non è più rimandabile un imponente piano di messa in sicurezza delle opere pubbliche ormai datate e per le quali occorre intervenire in tempi rapidi per evitare i disastri già visti. Al Paese serve un imponente piano infrastrutturale che passa dalle vie di trasporto e di comunicazione, dalle reti materiali a quelle immateriali, dalle grandi opere pubbliche alla messa in sicurezza, agli investimenti privati. Questo significa porre l'edilizia come leva indispensabile per fare del nostro paese un paese sicuro e sostenibile anche dal punto di vista ambientale. A Parma si è rinnovato il contratto integrativo dell'edilizia sia nell'industria che nell'artigianato; si è cosi voluto riaffermare il ruolo e la funzione del contratto territoriale di secondo livello e il ruolo di controllo della legalità e regolarità nel territorio. La Fillea Cgil di Parma riconferma inoltre il suo forte impegno nella lotta contro il fenomeno degli infortuni sul lavoro e nel contrasto delle malattie professionali e intende proseguire nell'opera di sensibilizzazione sui temi della salute e sicurezza attraverso iniziative formative mirate all'innalzamento dei livelli della stessa.

Fonte: rassegna.it

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter