Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

Gli stati maggiori di Fillea Cgil Frosinone Latina, a raccolta sabato nell`Hotel Bassetto di Ferentino per il 2° congresso. Il momento più atteso della giornata caratterizzata dallo slogan "Fabbrica per fabbrica, cantiere per cantiere", eraPelezione per flne mandato del segretario generale. È stato riconfermato a pieni voti il segretario uscente Francesco Chiucchiolo. Presenti il segretario Fillea Cgil nazionale Antonio Di Franco, il segretario generale Cdlt Frosinone Latina Anselmo Briganti, il segretario Roma e Lazio Antonella Monchieri. Nella ricca relazione introduttiva il "promosso" segretario Chiucchiolo ha affondato il coltello nella piaga in merito a una tematica fondamentale quale è l`edilizia e il lavoro, dalla cui paralisi scaturisce la grave crisi che attanaglia il Paese. Per Chiucchiolo urgono risposte concrete al settore edile "ingessato", circostanza che induce tra l`altro al lavoro sommerso. Secondo Di Franco inoltre il rilancio del settore non può più aspettare: «Vanno messe al centro le costruzioni, lanciamo un messaggio forte al Governo». Presidente del congresso è stata nominata all`unanimità Francesca Leoni. Sono state elette le commissioni, l`assemblea e il direttivo composti da 55e 50 membri, infine l`elezione del segretario generale. Spunti interessanti sono emersi dal rapporto iniziale di Francesco Chiucchiolo: «Credo ci sia bisogno di una profonda riflessione su quanto avvenuto negli ultimi anni, partendo dall`operato della Cgile dal piano del lavoro come punto cardine da cui ripartire per proporre idee e dare risposte nel mondo del lavoro ai giovani, alle donne, a chi ha perso il lavoro e alle aree del sud sempre più svantaggiato. Occorre superare certe politiche, crescono le disuguaglianze soprattutto trale fasce deboli. Va contrastata la crisi rilanciando gli investimenti pubblici. Dai numeri delle due Casse Edili degli ultimi anni, si evince che Frosinone ha perso oltre il 60% degli addetti e Latina quasi il 50%. Le due province hanno avuto un calo molto più alto della media nazionale, che si attesta al meno 30%. I numeri parlano da sé, sono in negativo di 13.531. La Fillea Cgil Fr Lt, col suo gruppo dirigente, ha davanti un compito difficile ma siamo abituati a lottare e ad avanzare le nostre proposte con caparbietà. C`è ancora bisogno della Cgil che nonostante tutto non invecchia mai».

 

 

Fonte: Latina Oggi

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter