Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

L’assemblea generale dei lavoratori iscritti alla Fillea ha eletto Simona Cancelli alla carica di Segretario Generale del comprensorio Lecce-Brindisi. L’elezione è avvenuta alla presenza della Segretaria Generale della Cgil di Lecce, Valentina Fragassi, del Segretario generale della Fillea Puglia, Silvano Penna, e del Segretario Nazionale della Fillea, Ezio Giorgi. Eletti anche i componenti di Segreteria: Rita Cardone, Giuseppe Maggiore e Luca Toma. 

Cancelli è alla guida del sindacato dei lavoratori del legno, dell’edilizia, delle industrie affini ed estrattive della provincia di Lecce dal 2016. Al momento della prima elezione, a soli 35 anni, era la prima donna in provincia a ricoprire l’incarico all’interno della categoria. Negli 8 anni precedenti era stata segretario organizzativo all’interno della stessa categoria e per cinque anni coordinatrice regionale della Fillea Restauro. Da oggi è la Segretaria Generale del Comprensorio di Lecce e Brindisi della Fillea.

Nella sua relazione congressuale, Cancelli ha fatto una fotografia del settore, che in provincia di Lecce vive un momento di particolare sofferenza e che è in continua emergenza sul piano della sicurezza sul luogo di lavoro e che deve mantenere alta l’attenzione per prevenire le infiltrazioni della criminalità organizzata nel tessuto imprenditoriale: «Alla provincia di Lecce serve una nuova politica di sviluppo verso la frontiere dell’eco-sostenibilità e dell’efficientamento energetico. Abbiamo bisogno di interventi urgenti per mettere in sicurezza il territorio, gli edifici, il patrimonio artistico-monumentale-archeologico e per sostenere progetti di housing sociale. In particolare nella città capoluogo occorre avviare una vertenza urbana, perché una città sicura è innanzitutto una città che si prende cura di sé. Una città che faccia dell’edilizia lo strumento per migliorare le condizioni di vita dei suoi cittadini. Una città che avvii e concluda gli interventi che annuncia. Una città che sappia programmare senza conflitti i lavori pubblici».

Fonte: Polvere di stelle Lece - giornale salentino

 

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter