Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

“La messa in sicurezza del territorio è la vera emergenza nazionale e del Sud in particolare. Coniugare alla cura delle persone, quella dei territori è la chiave per colmare il divario crescente tra le aree del Paese in termini di opportunità e prospettive”. È questo uno dei messaggi lanciati durante il V Congresso regionale della Fillea Cgil, organizzato a Napoli e presieduto dal Segretario generale della Campania Giovanni Sannino, concluso con l'elezione a segretario generale di Enzo Maio, 56 anni. Tante storie alle spalle per Enzo: operaio edile, agricolo, metalmeccanico, pizzaiolo, ed anche per breve tempo nel corpo della Polizia di Stato nel quarto reparto mobile di Napoli. Poi l'impegno nel sindacato e a Benevento e l'arrivo alla Fillea di Napoli nel 2007, infine segretario generale degli edili di Caserta. 

Numerosa la partecipazione alla due giorni del Congresso, con gli interventi di tanti delegati, rappresentanti istituzionali ed  il Segretario Generale della Fillea Nazionale Alessandro Genovesi, che ha parlato di un aumento del lavoro nero al Sud nell’edilizia del 7%, causato soprattutto dalla perdita di ispettori e di controlli. 

“Cantiere x cantiere, fabbrica x fabbrica. Stesso lavoro, stesso contratto, uguali diritti”: questo lo slogan del Congresso dedicato alla sicurezza, alla riqualificazione e al lavoro in Campania. Durante la tavola rotonda moderata dal giornalista Dario Del Porto è stata illustrata all’Assessore regionale all’urbanistica Bruno Discepolo dal Segretario Sannino una vertenza per coniugare: riqualificazione del patrimonio edilizio esistente in termini urbanistici, tecnico-funzionali, energetici e di sicurezza con particolare attenzione alle aree marginali dei centri urbani e con il coinvolgimento dei cittadini. Hanno partecipato inoltre Alessandro Dal Piaz Urbanista, Domenico Tuccillo Presidente Anci Campania, Antonio Giordano Segretario Sunia Campania, Giuseppe Spadaro Segretario Generale Cgil Campania, Graziano Gorla Segretario Nazionale Fillea Cgil. 
La seconda giornata si è aperta con l’intervento del cantautore e giornalista Nando Misuraca: “Voglio raccontare la storia di mio padre e con lui aprire uno spiraglio di sensibilizzazione su tutte le morti bianche. Ogni anno in Italia sono circa 150 le vittime nell’edilizia, nei cantieri, e con loro a morire sono anche le famiglie, propio come è successo a me Uno tsunami che ti cambia la vita per sempre". 

Articolo e video su: Repubblica Napoli

La relazione di Gianni Sannino >

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter