Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

Verso la riconferma al vertice della Fillea i Gela, Ignazio Giudice, 42 anni, è in Cgil dal 2000. È stato segretario di Fillea, la categoria degli edili e poi a capo della Camera del lavoro di Gela. Nel luglio del 2014 è stato eletto segretario generale con 40 voti ed un astenuto. Ora si ripresenta.

L`immancabile zaino e al polso un bracciale da cui non si separa da 2 anni. Lo hanno realizzato dei carcerati e contiene lo slogan contro la violenza nei confronti delle donne. Zaino e bracciale sono parte dell`uomo e del sindacalista Ignazio Giudice: moderno e pronto a portare fino in fondo le battaglie in cui crede. Perché fare sindacato - ripete ad ogni occasione - non significa solo difendere i diritti dei lavoratori ma guardare all`uomo nella complessità dei suoi bisogni, lottare per le ingiustizie di ogni tipo. Stare a fianco di chi soffre o subisce un torto anche fuori dal mondo del lavoro. Testimoniare la legalità dei fatti non delle parole. E mentre i sindacati in generale sono in crisi, lui ci crede ancora e parla della sua storia bella nella Cgil gelese e nissena. La racconterà domani durante il congresso provinciale che si terrà a Caltanissetta. E il diciottesimo e coincide con i 108 anni di vita del sindacato.

«Ma i giovani ipertecnologici di oggi lo sanno cos`è un sindacato e che ruolo svolge? lo credo di no ed è per questo che sono convinto che oggi il sindacato debba intercettare i giovanissimi e dialogare con loro. È vero non sono lavoratori ed avranno difficoltà ad esserlo ma non legare con questa fascia di popolazione potrebbe essere un errore»: ed ecco il nuovo "pallino" del segretario Giu- dice, quello di portare il sindacato tra i giovanissimi. Il segretario generale della Cgil ha trascorso le ultime due settimane tra un congresso e l`altro. Dieci per l`esattezza, tante quante sono le categorie presenti. «Abbiamo 20.500 iscritti alla Cgil nel Nisseno - dice - e per í congressi abbiamo contattato 1`80% di loro, fatto incontri ed assemblee nelle 11 sedi che la Cgil ha in provincia. 1 delegati al congresso di lunedì sono stati eletti con democrazia e soddisfazione».

E soddisfazione esprime Ignazio Giudice anche per altri risultati raggiunti come il riportare il Sunia, sindacato inquilini, in Cgil o aver eletto il segretario dei lavoratori di banca. E poi il rinnovamento nelle categorie Filt, Sic, Flai e Filcams. Domani al congresso spazio alle grandi questioni aperte nel territorio a cominciare dall`area di crisi complessa di Gela e da un accordo di programma che Giudice non riesce a digerire. Ma si parlerà di coesione sociale e di spopolamento dei Comuni. Il titolo del congresso è "L`Italia non è una Repubblica fondata sullo stage" e riporta a galla la mai chiusa questione meridionale in un`Italia che viaggia a due velocità. L`appuntamento è per le 9 all`Hotel San Michele. Interverrà la segretaria regionale Monica Genovese. 

Fonte: La Sicilia

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter