Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

Si è concluso nei giorni 25 e 26 ottobre c/o il Centro Congressi la Collinetta Eventi, il VI Congresso della Fillea Cgil di Roma e del Lazio: 120 sono stati i delegati e le delegate che con i loro 37 interventi hanno riempito di contenuti, analisi e proposte il dibattito nel quale non sono mancati momenti di forti emozioni. Riconfermato Mario Guerci alla Direzione politica della struttura con l’unanimità dei consensi, e tutta la segreteria.

Ai lavori sono intervenuti il Segretario Generale della Fillea Cgil Alessandro Genovesi e il Segretario Generale della Cgil Roma e Lazio Michele Azzola oltre che ad esponenti del mondo delle imprese e di Filca e Feneal.

Il Congresso, sulla base dei risultati delle 136 assemblee sui luoghi di lavoro, che ha visto coinvolte/i 11.567 lavoratrici e lavoratori,  e sulla base dei documenti politici assunti dai congressi territoriali , impegna tutto il futuro gruppo dirigente alla piena attuazione del documento politico e dei contenuti programmatici e strategici discussi e approvati dai quali emerge, con forza, la scelta di continuità e rilancio della linea della CGIL fin qui seguita a partire dal XVII Congresso, che mettono al centro il Piano del Lavoro e la Carta dei Diritti.

Il Congresso della FILLEA CGIL Roma e Lazio:

ritiene fondamentale il contributo dato dalla nostra categoria nel  documento “ il Lavoro è” in ordine al superamento del dumping contrattuale e dell’elusione dell’applicazione contrattuale, provando a trasferire all’interno della Confederazione le esperienze fatte a livello territoriale e nazionale con i protocolli sottoscritti con importanti Committenti ed Istituzioni,  coniugando l’azione sindacale con l’obiettivo, lanciato nell’iniziativa del 14 febbraio di quest’anno,   “stesso lavoro stesso contratto”. 

ribadisce il giudizio più che positivo sul CCNL dell’edilizia industria e cooperative, rinnovato il 18 luglio 2018, il Congresso ritiene che esso sia lo strumento che chiama ed impegna il gruppo dirigente ad affrontare temi non più rinviabili, che vanno dal contratto unico di cantiere all’efficientamento degli Enti Blaterali

conferma la centralità del territorio e della Confederalità nell’azione sindacale di categoria, ribadisce che tale ruolo deve essere rafforzato attraverso l’unità sindacale con la CISL e la UIL

sul tema previdenziale esprime apprezzamento per le potenzialità e le prospettive date, con la creazione del “Fondo prepensionamenti”, dal c.c.n.l. dell’edilizia industria e cooperative di recente rinnovato e impegna l’organizzazione tutta a non abbandonare l’obbiettivo di ottenere una riforma strutturale del sistema previdenziale che garantisca l’uscita anticipata dal mondo del lavoro, senza penalizzazioni,  delle/dei  lavoratrici/lavoratori addette/i  a mansioni gravose. 

fa propria la piattaforma “Tutte insieme, vogliamo tutto”, proposta dalla CGIL Nazionale nell’iniziativa del 6 ottobre 2018, che ha messo al centro le politiche per l’occupazione femminile, la disparità salariale, la salute e sicurezza delle donne sui posti di lavoro, il contrasto alle molestie e alle violenza sulle donne dentro e fuori i posti di lavoro e,  condannando con forza le azioni poste in essere dell’attuale Governo che attaccano frontalmente i diritti conquistati dalle donne in decenni di battaglie e che rimettono in discussione norme di civiltà come la Legge 194 o la legge sui consultori, impegna l’organizzazione a promuovere e a partecipare attivamente alle iniziative volte a difendere i diritti acquisiti e a diffondere un cultura che determini un modello di sviluppo paritario.  

con particolare attenzione al tema dell’immigrazione e dell’accoglienza, il Congresso impegna altresì tutta l’organizzazione a promuovere e sostenere tutte le iniziative volte a contrastare le politiche, che si profilano all’orizzonte, improntate al mero respingimento dei migranti e al presidio delle frontiere e a preservare, quindi, un modello di accoglienza che sia diffusa sul territorio e indirizzata all’integrazione. Riace e il Sistema SPRAR (Sistema di Protezione Richiedenti Asilo e Rifigiati) vanno difesi e implementati.

Fonte: Fillea Roma e Lazio

Vai ai documenti e alle foto dei congressi territoriali >

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter