Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

12.09.16 "Potremo dare un giudizio complessivo solo alla conclusione del tavolo, in coerenza con la piattaforma di CGIL, CISL e UIL, ma certamente è un bene se all’interno del confronto tra Governo e Sindacati il tema dei lavori usuranti, a partire da quello degli operai edili e delle cave, viva con tutta la dignità e le risorse necessarie per incidere realmente sulla vita delle persone.  In caso contrario, la mobilitazione della Fillea e - siamo certi - di tutte le forze sindacali, non potrà che proseguire”. Questo il commento della Segreteria Nazionale della Fillea Cgil sul confronto tra governo e sindacati in materia di pensioni.

Per la categoria degli edili Cgil "dopo la tagliola Fornero e alla luce dei limiti evidenti dell’attuale norma sui lavori usuranti - che contiene troppi paletti, troppe condizioni - il Governo deve cominciare a dare una risposta seria ai tanti, troppi lavoratori che sono sottoposti a condizioni oggettive sempre più proibitive, a partire dagli operai edili e da chi opera nelle cave ed in galleria. Non possono esserci migliaia di lavoratori edili over 60 che tra lavoretti a nero, voucher o lavori saltuari vivano solo  con la “speranza” di arrivare alla pensione a 67/68 anni, rischiando costantemente l'infortunio mortale, come ci dicono tutte le recenti statistiche sulle morti nel settore. Non è giusto per loro, non lo è per i tanti giovani che cercano occupazione."

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter