Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

24.10.126  "Dalle prime indicazioni che stanno emergendo, positiva sarebbe, nella legge di stabilità, la scelta di rendere strutturale per i prossimi anni lo strumento degli Incentivi per risparmio energetico e anti sismico, con gradualità diverse in funzione della qualità degli interventi. Servono però scelte coraggiose riducendo da 10 a 5 anni l'arco temporale per il recupero delle spese e per favorire la strutturazione di intermediari (Esco), in grado di agire su condomini e unità complesse. Questo anche per rafforzare la funzione di qualificazione del settore e la funzione anticiclica dei bonus stessi". Lo dichiara Alessandro Genovesi, segretario generale della Fillea Cgil, a latere dell'incontro tecnico presso la presidenza del Consiglio, dedicato a Casa Italia.

"Soprattutto occorre -continua Genovesi - introdurre il Fascicolo unico del fabbricato, esclusivamente dedicato alle condizioni energetiche, antisismiche e del rumore degli edifici. E per fare questo non serve più di tanto aspettare i tavoli tecnici di Casa Italia. Anzi: inserendolo già in legge di stabilità, il Fascicolo unico del fabbricato sarebbe la prima tappa per una vera diffusione di una nuova cultura e per rendere efficaci tutti quei meccanismi volti a rafforzare la conoscenza e gli stessi interventi per la messa in sicurezza e per la sostenibilità del patrimonio edilizio privato".

"Oggi si potrebbe iniziare con gradualità - sottolinea Genovesi - prevedendo l'obbligo del Fascicolo unico del fabbricato in caso di compravendita immobiliare, come già fatto con successo, per la certificazione energetica degli edifici. Sarebbe - conclude il leader della Fillea - a costo zero per la finanza pubblica, sarebbe non un onere burocratico in più, ma una messa a sistema di informazioni ingrande parte disponibili, sarebbe una leva per garantire maggiore trasparenza a favore di chi compra e chi vende".

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter