Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Il lungo reportage di Marco Patucchi di Repubblica a Catania:  circa 25 mila  edili esclusi dall`Ape sociale, le "teste grigie" dei cantieri senza pensione anticipata e sui ponteggi fino a 67 anni     


"Dalla sommità del capannone industriale in costruzione si vede l`Etna. La cima del vulcano è ancora velata da una neve che ha lo stesso colore, quasi trasparente, del fumo appeso sul cratere. Angelo si inerpica, lento, attraverso le impalcature. Sembra impacciato, ma non lo è, e piano piano raggiunge i venti metri di altezza dell`ultimo piano del ponteggio. Il fatto è che sono più di cinquanta anni di quel sali e scendi, di quella fatica: «Ho iniziato a lavorare quando avevo dodici anni e ora ne ho sessantaquattro. Sempre nei cantieri. Muratore, carpentiere, di tutto...». Guardarlo arrampicare afferrandosi ai tubi Innocenti ( con la maiuscola, perché li ha inventati negli anni Trenta proprio il creatore della Lambretta) è incongruente quanto la neve sulla vetta dell`Etna in questo giugno già torrido. «A una certa età bisognerebbe smettere, noi non stiamo in ufficio con l`aria condizionata d`estate e il riscaldamento d`inverno. Freddo, vento, solleone, siamo sempre qui». La storia di Angelo Arena che lavora in un cantiere a Giarre, tra il vulcano e il mare, è la stessa di altri ventitremila e più operai "over 63" iscritti alle casse edili italiane, che vorrebbero andare in pensione perché sarebbe giusto e dignitoso, ma invece sono costretti a prolungare quella fatica almeno fino a 67 anni, prigionieri di una gabbia assurda di leggi, norme, riforme e controriforme. Una enclave di "teste grigie dei cantieri", in un contesto già di per sé disastrato visto che a partire dal 2008 nell`edilizia c`è stato un calo del 45% dei posti di lavoro ( oggi sono poco meno di 600mila ), del 50% della massa salari, del 58% delle ore lavorate, del 44% delle imprese."... 

 

LEGGI L'INTERO REPORTAGE 

VAI ALL'ARTICOLO SU REPUBBLICA.IT

VAI AL VIDEO SERVIZIO

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter