Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Allarme dei sindacati sulla  delicatissima situazione dei lavoratori e delle lavoratrici dell’indotto Ilva, al momento esclusi da qualsiasi ragionamento legato alla trattativa in forte salita presso il Mise. La lettera alle istituzioni, firmata unitariamente dalle categorie Cgil Cisl Uil deghli edili, dei trasporti, del commercio, delle nuove indentità del lavoro.  

"Le scriventi o.s. auspicano che in uno stato democratico, i più deboli, senza tutele, senza ammortizzatori sociali, non siano lasciati al loro destino, abbandonati, colpevolmente, alle logiche del mercato, dei cambi appalto o assegnazioni di commesse al massimo che, nella migliore delle ipotesi, potrebbero portare forti riduzioni orarie, reddituali e delle tutele normative e contrattuali, o, peggio ancora, la fuoriuscita dal mercato del lavoro Indotto Ilva.

Ecco chi sono: 7.603 lavoratori e lavoratrici dell'indotto dipendenti di circa 346 aziende, operai addetti alle pulizie civili e pulizie industriali, manutentori, edili, carpentieri, autisti, addetti mensa, cuochi, elettricisti ecc ecc, con contratti part-time, interinali, a tempo determinato o indeterminato autorizzati tutte le mattine, pomeriggi e notti a presentarsi presso la portineria Imprese (sulla strada provinciale per Statte Taranto) per iniziare la loro avventura con le loro tute arancioni e con poche tutele occupazionali e di sicurezza. 

Oggi le Istituzioni, la politica, garantiscano:

  • Che nessun lavoratore perderà un posto di lavoro, compreso i lavoratori e le lavoratrici dell'indotto;
  • Una discussione di un piano industriale serio che non possa prescindere da prendere in considerazione tutte le unità che lavorano nel mondo dell'indotto, di come saranno utilizzate a seguito della nuova organizzazione industriale dell'azienda AM INVESTCO;
  • Utilizzo delle maestranze dell'indotto già presenti nell'Ilva per i lavori di bonifica previsti;
  • Ammortizzatori sociali uguali per tutti compreso il mondo dell'Indotto;
  • Agevolazioni per esposizione amianto e prepensionamenti anche per i lavoratori dell'indotto;
  • Lavoro e Sicurezza, Salute e benessere per tutti compreso l'Indotto. 

Riparta anche da qui il TAVOLO ISTITUZIONALE AL MISE, e fate in modo che non rimangano lettera morta i principi costituzionali della pari dignità sociale e dell’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori allo sviluppo economico e sociale dell’Italia. I lavoratori dell’indotto continueranno a lavorare nel silenzio, uniti come sempre, e le loro famiglie continueranno a credere nelle Istituzioni, certi che il loro grido venga ascoltato da chi ne ha la responsabilità e da chi, quei principi costituzionali ha giurato di seguirli. 

 

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter