Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Da Cassa Depositi e Prestiti il via libera a Progetto Italia. Genovesi: bene, sia la premessa per accelerare completamento opere.

“Come Fillea Cgil e come Cgil siamo stati dall’inizio sostenitori di un’operazione di sistema che, con il protagonismo di Banche e Casse Depostiti e Prestiti, servisse sia a salvare Astaldi e le altre aziende del settore, sia e soprattutto a far nascere un player industriale in grado di salvaguardare occupazione e soprattutto sbloccare veramente i grandi cantieri oggi in sofferenza. Ora abbiamo una grande occasione: da un lato qualificare una filiera importante di fornitori e produttori di materiali, dall’altra tornare a diacutere di come le imprese si concentrino sul loro core business che è quello di fare opere, strade, ferrorivie, valorizzando le professionalità necessarie contro i troppi che hanno giocato con la finanza”. 
Così dichiara il segretario generale Fillea Alessandro Genovesi, all’indomani dell’ok definitivo a Progetto Italia, su cui lo scorso 17 Giugno, in un confronto pubblico tra Pietro Salini, Carlo Zini, rappresentanti delle banche, con il supporto tecnico del Prof. Minenna e le conclusioni di Maurizio Landini, Fillea e Cgil avanzarono le proprie proposte per un Progetto Italia che fosse un vero sblocca cantieri, affrontando il tema delle politiche industriali e del ruolo degli investitori pubblici e privati.
“Infine ribadiamo - conclude Genovesi - che Progetto Italia deve essere aperto, inclusivo, non ridursi a mera opera di rafforzamento finanziario di Salini Impregilo o di garanzia su difendi futuri, ma una vera operazione industriale che, partendo da Astaldi, aiuti il rilancio dell’intero settore, anche generando all’estero quel valore necessario ad essere re investito sulle infrastrutture materiali di cui il Paese, ed in particolare il Sud, hanno bisogno”.

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter