Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Travolto da un mezzo di movimento terra, muore un operaio nel cantiere del bypass ferroviario "Variante di Falconara". I sindacati proclamano lo sciopero, domani cantiere chiuso.                   

Feneal-UIL Filca-CISL Fillea-CGIL di Ancona esprimono profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia del lavoratore che oggi ha perso la vita nel cantiere del bypass ferroviario dell’Orte-Falconara. 
Da inizio 2020 "sono già 2 le morti bianche in provincia di Ancona, appena ripartiti I cantieri nel post Covid è ripreso quel trend drammatico che conosciamo. Siamo al ridosso delle ferie e due lutti sono un numero inaccettabile per una piccola provincia come la nostra. Non ci abitueremo mai ad accostare la perdita di una persona al lavoro: strumento di autonomia, emancipazione, costruzione di una vita piena all’interno della comunità" è qunto scrivono i sindacati in un comunicato.

"L’auspicio e l’obiettivo di tutti i soggetti che si occupano di prevenzione è quello che i lavoratori, a fine giornata tornino alle proprie case dai propri cari perché il lavoro deve rappresentare una opportunità di dignità e di vita e non possiamo accettare che diventi sempre più spesso causa o strumento di morte" proseguono i sindacati "oggi per noi è il momento del dolore, da domani bisogna che si ritrovi la giusta attenzione su un tema che è di fondamentale importanza soprattutto in un settore dove il rischio di infortunio grave o morte come in questo caso è tanto elevato. Chiederemo un incontro per comprendere e far luce sulle dinamiche dell’incidente alla Prefettura, alla committenza pubblica e all’impresa che sta realizzando l’opera, per tracciare le responsabilità o le eventuali omissioni: non è possibile accettare che in una grande opera  pubblica si continui a perdere la vita, specialmente nelle Marche, dove negli ultini anni e nei prossimi, saranno investite da un importantissimo impegno infrastrutturale, e dalla ricostruzione post sisma  e dai futuri cantieri di edilizia sanitaria."

"È chiaro però che il tema che per noi si ripropone deve essere la sicurezza nei cantieri e l'unicità del contratto edile con le sue specificità e peculiarità, che riguardano la formazione e la prevenzione presso i nostri enti bilaterali di settore, fatte salve poche e ben definite lavorazioni.  Crediamo, inoltre, che la prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro vada di pari passo con la formazione continua in edilizia, non si può mai abbassare l’attenzione in un cantiere edile verso questi temi pena l’aumento degli infortuni."

Più tardi, nel pomeriggio, giunge un seconda nota con la proclamazione dello sciopero "per l'intera giornata di domani, 6 agosto, a partire dalle ore 7:00. Nello stringerci ai familiari del lavoratore e nel sollecitare ciascuno allamassima attenzione, invitiamo tutti i lavoratori, diretti e dei subappalti, ad aderire numerosi alla mobilitazione, per dare un segnale forte affinchè episodi di questo tipo non si verifichino più."

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter