Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Fillea Filca Feneal nazionali e territoriali consegnano alla ministra De Micheli le proposte sul cantiere Metro C:  completare l'opera e garantire gli attuali livelli occupazionali.                                                                                                                                                                                                                                                                                    

Assicurazione della totale copertura finanziaria, nomina in tempi rapidi di un commissario tecnico, istituzione di un tavolo interistituzionale: sono alcune delle proposte sulla Metro C di Roma formulate dai sindacati nazionali e territoriali Feneal Filca Fillea alla ministra De Micheli, nel corso dell’incontro di questa mattina. 

“La tratta C della Metropolitana di Roma – spiegano i sindacati – è un’opera strategica per lo sviluppo infrastrutturale della Capitale e per l’ammodernamento degli assetti trasportistici e della mobilità del territorio. Bisogna provvedere al suo completamento in tempi rapidi, garantendo così la continuità occupazionale per i 600 lavoratori impegnati nella sua realizzazione, ad oggi interessati da una cassa integrazione che avrà termine a fine settembre”. 

Nel dettaglio le richieste dei sindacati sono “la copertura finanziaria delle tratte in corso di progettazione, l’affidamento della governance dell’intero progetto ad un commissario tecnico di nomina ministeriale in grado di gestire gli iter procedurali in modo celere ed efficiente, l’istituzione di un tavolo interistituzionale per la risoluzione delle criticità in essere, l’inserimento del progetto tra le 130 opere di ‘Italia Veloce’, magari  finanziato anche attraverso le risorse del Recovery found”. 

Feneal Filca Fillea, infine, hanno anche chiesto “che le opere infrastrutturali ricadenti nel Comune di Roma possano essere trattate come opere di interesse nazionale, vista l’importanza e l’attenzione che Roma ha in quanto Capitale”. 

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter