Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Rapporto Centro Studi Camera,  Anac, Cresme. Genovesi, Fillea: i dati dicono che il Codice Appalti sta funzionando. Qualcuno informi Draghi. Il comunicato Fillea ed il Rapporto integrale.                        

“Il Codice degli Appalti, che ha già recepito le direttive comunitarie in essere, sta funzionando: lo certificano i numeri, basta con falsificazioni e bugie” è quanto afferma il segretario generale della Fillea Cgil Alessandro Genovesi, commentando i dati contenuti nel rapporto “Infrastrutture strategiche e prioritarie" presentato ieri dal Centro Studi della Camera dei Deputati insieme ad Anac e Cresme.

Per Genovesi "ora occorre attuare quello che manca del Codice, partendo dalla qualificazione delle stazioni appaltanti e, se proprio manutenzione va fatta, essa riguarda alcuni aspetti autorizzativi di dettaglio, non altro.”

I numeri del Rapporto Camera Deputati, Cresme, Anac parlano chiaro  “la media dei bandi passa da 2,8 mld prima dell’introduzione del codice  (2011-2016) a 7,9 mld dopo (2017-2020), e la media annuale dei tempi di affidamento dei lavori passa da 358 giorni prima del codice (2011-2016) a 207 dopo (2017-2020). Sui tempi occorre lavorare ancora, certo - sottolinea Genovesi -  ma è innegabile la significativa accelerazione, considerando anche la complessità di diverse nuove opere programmate. I bandi delle opere pubbliche crescono del 143% (43 miliardi nel 2020 rispetto ai 18 mld del 2016) e con buona pace anche di chi teorizzava una diminuzione dei bandi di progettazione, è avvenuto l’esatto contrario: erano pari a 289 milioni nel 2016 e sono diventati 1 miliardo e 640 milioni nel 2020. Risultati molto positivi”.

Per il numero uno Fillea rimangono ancora alcuni problemi "ma se si emanasse presto il decreto attuativo sulla riduzione delle stazioni appaltanti, sulla loro qualificazione per classi di importi e complessità delle opere, e si assumessero subito almeno una parte dei 7-8 mila tecnici mancanti nelle PP.AA., avremmo sicuramente un’ulteriore accelerazione. Per queste ragioni anche i richiami nel PNRR presentato da Draghi con tanto di riferimento ad un nuovo Codice degli appalti attraverso una legge delega sembrano essere più il frutto di una visione ideologica che non di una seria e serene valutazioni degli effetti delle norme, tanto quelle del Dlg. 50/2016 che delle semplificazioni ulteriori introdotte dalla legge 120/2020”.

“Insomma – conclude Genovesi – qualcuno informi il Presidente Draghi, sono certo che, come ex Banchiere Centrale, apprezzerà le conclusioni del Rapporto e potrà quindi evitare di perdere tempo a cambiare quelle regole che funzionano e danno i frutti sperati, su cui grandi stazioni appaltanti, imprese e lavoratori programmano investimenti e percorsi di vita”.

 

Qui il rapporto integrale >

 

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter