Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

Il Governo non ascolta l'Europa su trasparenza ma è pronto a ridurre le tutele lavoratori: Genovesi chiede la convocazione urgente dei sindacati a Palazzo Chigi                         

“Siamo alle prese con un Governo che fa il forte con i deboli e il debole con i forti, che usa la Commissione Europea quando gli conviene e si volta da un’altra parte quando si parla di legalità e trasparenza”. Così commenta Alessandro Genovesi, Segretario generale della Fillea Cgil, a latere del congresso regionale della Fillea Cgil Campania.

“Corrisponde al vero che la Commissione Europea aveva messo in mora l’Italia nel 2018 su diversi aspetti del Codice, nonostante il parere positivo del Consiglio di Stato. Come è vero che ad aprile 2022 aveva segnalato in particolare che non rispondeva ai criteri di trasparenza e concorrenza l’abuso di assegnazioni di appalti senza bandi di gara. Eppure – evidenza Genovesi - su molti rilievi, in particolare sul subappalto (dalla percentuale predeterminata all’obbligo di indicare la terna dei sub appaltatori), il Governo da ultimo Draghi, noto anti europeista, era intervenuto e la Commissione Europea aveva espresso soddisfazione anche per l’equilibrio trovato”.

“Cosa fa oggi il Governo Meloni e Salvini? Propone di aumentare la quota di appalti che saranno dati per affidamento diretto o senza gara, ignorando la Commissione Europea sull’esigenza di garantire maggiore trasparenza, mentre esaspera le indicazioni sui subappalti, liberalizzando completamente la possibilità di avere subappalti dei subappalti dei subappalti, senza neanche dire una parola”.

“Il risultato concreto rischia di essere che, da domani, verificare concretamente e far rispettare le tutele dei lavoratori e le norme sulla sicurezza e legalità sarà un’impresa quasi impossibile e si innescherà una concorrenza sleale tra aziende basata su scatole vuote e su chi pagherà meno operai e tecnici o li farà lavorare di più, dieci-dodici ore al giorno. E così - prosegue Genovesi - stiamo decidendo di prenderci magari un’infrazione per non scontentare gli amici degli amici e offriamo al "carnefice" un modello di concorrenza con meno qualità e crescita dimensionale delle imprese, meno diritti e tutele. I trattati Istitutivi dell’Unione Europea prevedono, al fine di tutelare la salute e sicurezza, la dignità dei lavoratori, l’economia sana dalle infiltrazioni, di poter derogare alle stesse Direttive Europee che non fanno i conti, come in questo caso, con quanto lavoro nero, quanta corruzione, quanta mafia continuano a minare il nostro Paese”. 

Per questo, il leader degli edili Cgil fa appello “al Parlamento, che sarà chiamato a dare un parere nelle prossime settimane, e allo stesso Governo perché ci ripensi e apra un tavolo a Palazzo Chigi con le organizzazioni sindacali, altrimenti a pagare il conto saranno i lavoratori nei cantieri, in particolare quei lavoratori che, in fondo alla catena dei subappalti, rischieranno tutti i giorni la vita”. E questo senza considerare il rischio che, allungandosi la catena dei subappalti, caporali e criminalità organizzata, mafia e camorra, avranno gioco facile. Le stesse stazioni appaltanti, i Rup, i Direttori dei Lavori, gli ispettori e le forze dell’ordine saranno chiamati ad una serie di controlli assai maggiori di prima. Alla faccia anche di fare presto o di ridurre i contenziosi legali” conclude Genovesi.

 

 

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter