Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

15.01.13 Facile  promettere di togliere l'Imu "fa presa su chi si è trovato a pagare cifre considerevoli, del tutto sproporzionate rispetto al reddito della famiglia" una tassa che "non ha  caratteri di equità, progressività, senza alcun collegamento al reddito della famiglia" ma che ha "effetti distorsivi provocati anche dal mancato aggiornamento degli estimi catastali." Necessario che il nuovo governo affronti il tema di una nuova politica della casa e dell’abitare anche dal  punto di vista  della politica industriale che riguarda la filiera delle costruzioni". Il portale di informazione Dazebaonews.it intervista Walter Schiavella.


LAVORO, ABITAZIONE, IMU NELLE PROPOSTE DEL SINDACATO

Intervista a Walter Schiavella di Alessandro Cardulli

 

Imu, è diventata l’ombelico del mondo, al centro della campagna elettorale.Come ormai avviene ogni qualvolta che si vota  è diventata il punto di attacco di Berlusconi, della Lega, dei populismi collocati nelle forze conservatrici e non solo.

”E’ facile  promettere di togliere questa tassa, fa presa su chi  si è trovato a pagare cifre considerevoli, del tutto sproporzionate rispetto al reddito della famiglia. Certo che è un problema,  una tassa  che non ha  caratteri di equità, progressività, senza alcun collegamento al reddito della famiglia. Una tassa  con effetti distorsivi provocati anche dal mancato aggiornamento degli estimi catastali. Ma se questo problema che il governo che verrà deve affrontare e risolvere, non si colloca all’interno di una nuova politica della casa, dell’abitare, se non si affronta dal  punto di vista  della politica industriale che riguarda la complessa filiera delle costruzioni non si va da nessuna parte.” Parte da qui la conversazione con Walter Schiavella, segretario generale della Fillea Cgil che proprio in questi giorni sta mettendo a punto proposte  che riguardano l’intero settore delle costruzioni. “E’ il lavoro il “ motore” da riavviare -dice- e la Cgil presenterà un progetto, importante, ambizioso certo, da portare al confronto con le forze politiche, con le istituzioni, con il governo che verrà,  nel solco  di una storia che ha sempre visto il nostro sindacati impegnato nell’affrontare le grandi questioni economiche e sociali.  Sarà un vero e proprio Piano del Lavoro.

Una tassa iniqua che va cambiata,  no a strumementalizzazioni

Alla fine del mese, in questo quadro, si collocherà una iniziativa della Fillea  con concrete proposte”. E’ una lunga storia che risale alla  Cgil di Giuseppe Di Vittorio, ad un Piano del Lavoro per ricostruire l’Italia uscita dalla tragedia della guerra.  Oggi c’è da ricostruire il lavoro . Altrimenti Imu, fiscalità, giustizia sociale restano parole scritte sulla sabbia.  “E’ evidente- sottolinea Schiavella – che l’Imu è una imposta  iniqua, che va cambiata. Questo è fuori discussione”. Allora che fare? Il segretario della Fillea tiene a precisare che “ non è pensabile che in un paese della Comunità europea non vi sia una imposta sulla abitazione come avviene ovunque. Bisogna respingere l’uso strumentale che si sta facendo dell’Imu cui vengono addebitate tutte le difficoltà che incontra il mercato della casa. E’ improprio addebitare a questa tassa il calo delle vendite, il calo del valore degli immobili. I dati dimostrano che il valore reale degli immobili si riduce ma non in maniera proporzionale alle compravendite.. Sono due i fattori sui quali intervenire, la rendita finanziaria e quella immobiliare,  che provocano una distorsione del mercato,  determinano un sovrapprezzo nettamente superiore ai costi industriali.”

 Colpire la rendita finanziaria e  quella immobiliare

Partendo da questi presupposti bisogna agire su due versanti.  “ Occorre una diversa gestione della parte fiscale- afferma  Schiavella- introducendo una vera imposta sui grandi patrimoni mobiliari e immobiliari  e servono interventi sulle rendite, finanziarie e immobiliari. In questo modo si recuperano risorse di cui c’è grande bisogno per progetti di riqualificazione urbana, per affrontare i problemi di un territorio sempre più devastato che non regge l’urto anche di un semplice temporale”. Per quanto riguarda il mercato delle  abitazioni  il 70%,  è coperto da privati, il 30% dal pubblico. Gli investimenti pubblici sono diminuiti di un terzo, forse anche più tanto da parlare di dimezzamento. Per quanto riguarda quelli privati siamo alla paralisi. “ La stretta creditizia da una parte, i redditi di tanta parte dei cittadini che hanno perduto capacità di acquisto- sottolinea il segretario generale della Fillea- bloccano il mercato delle vendite e anche quello degli affitti. Il fenomeno, se così si vuol chiamare, dei figli, con famiglia,  che tornano ad abitare con i genitori, è sotto gli occhi di tutti. Così come quello di chi non ce la fa a pagare il mutuo e perde tutto.. Veri e propri drammi.”  Ecco, si torna  al problema delle rendite finanziare e immobiliari che  determinano la crisi dell’abitare e al problema principale, il lavoro. I dati che Schiavella fornisce sono noti, ma è bene non dimenticarli mai ora che anche le associazioni degli imprenditori  li  hanno scoperti.

Nel settore  costruzioni e collegati persi più di 500 mila posti di lavoro

 Nel settore delle costruzioni si sono persi circa 320 mila posti di lavoro e altri 200 mila e forse più nella filiera  che riguarda il cemento, i manufatti, il legno, il ferro. “La casa- conclude il segretario generale della Fillea-è tutto questo. Dalle quattro mura ai mobili all’arredamento. E’ un intero comparto industriale che perde pezzi, con aziende che chiudono.  Servono scelte di politica industriale, così come per altri settori portanti della nostra economia, a partire dalla meccanica. In un anno ogni lavoratore di aziende in crisi ha perso circa 8 mila euro. Più di un miliardo le ore di cassa integrazione, più di quattro miliardi a partire dall’inizio della  crisi. Non sono solo numeri, sono persone, famiglie, lavoratori. Così non si va avanti, la crescita non è neppure una speranza. Noi, con le nostre lotte e le nostre proposte vogliamo ridare una speranza, quella del lavoro. Se questo significa essere conservatori,  come dice Monti, ebbene  non ce la prendiamo a male. Si vogliamo conservare,  sviluppare, il lavoro . Un diritto  scritto nella Costituzione, la “ bella Costituzione” come la chiama Benigni.”

 

VAI ALLA PAGINA

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter