Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

salute&sicurezza titolo 1200

INAIL pubblica il VII Rapporto del Registro nazionale dei mesoteliomi (ReNaM) e uno studio/analisi dei casi di mesotelioma con esposizione nel settore dell’edilizia.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

Pochi giorni fa è stato pubblicato il VII Rapporto del Registro nazionale dei mesoteliomi (ReNaM) INAIL. La pubblicazione dei rapporti nazionali è accompagnata dalla produzione di specifici approfondimenti di ricerca. Questa volta si tratta di un'analisi dei casi di mesotelioma con esposizione nel settore dell'edilizia. Lo studio evidenzia la necessità di mantenere elevato il livello di conoscenza della possibile presenza di amianto in edifici costruiti prima della messa in bando del 1992, in particolare per i lavoratori impegnati in attività di ristrutturazione o abbattimento.

Il ReNaM ha raccolto 31.572 casi con diagnosi di MM nel periodo tra il 1993 e il 2018. La valutazione dell'esposizione era disponibile per 24.864 casi di MM (78,8%): tra questi 17.191 (69,1%) avevano un'esposizione professionale all'amianto e 3574 di questi (20,8%) avevano lavorato nel settore delle costruzioni. La percentuale di casi per modalità di esposizione mostra un aumento dei casi di MM esposti nel settore delle costruzioni dall'11,1% nel periodo 1993-98 al 16,4% nel 2014-2018. Quasi 30 anni dopo il divieto dell'amianto, più di 1/5 dei casi di MM con un'esposizione professionale definita registrata da ReNaM ha subito un'esposizione causale all'amianto in questo settore e questa percentuale sta aumentando significativamente nel tempo. 

Sebbene sia risaputo che l'amianto è pericoloso, molti lavoratori possono non essere consapevoli dell'effettivo grado di pericolo e delle situazioni di rischio intrinseche. In alcuni studi sui lavoratori esposti all'amianto in passato, è stata descritta una sottostima dell'intensità dell'esposizione personale all'amianto. Questa minimizzazione dell'esposizione può corrispondere a una reazione cognitiva protettiva all'esposizione professionale cronica, una forma di negazione del rischio. Questo meccanismo cognitivo può essere superato in siti in cui la comunità ha sviluppato una coscienza collettiva legata all'amianto, come Casale Monferrato. In questo contesto, la sorveglianza epidemiologica del MM potrebbe aumentare la consapevolezza del rischio nei lavoratori, nelle aziende, negli stakeholder e nei responsabili politici, fornendo prove delle modalità di esposizione all'amianto nell'ambiente e nei luoghi di lavoro. 

Questo studio fornisce prove di una frazione sostanziale e crescente dei casi di MM nei lavoratori edili. È necessario attuare l'istruzione e la formazione per i lavoratori coinvolti in attività quali la bonifica, la manutenzione e le ristrutturazioni edilizie, in particolare con riferimento ai vecchi edifici. Tuttavia, le informazioni sulla richiesta di risarcimento non sono sempre ben note tra i lavoratori, specialmente quando il settore economico di esposizione non è precedentemente riconosciuto come "a rischio" e il livello della richiesta di risarcimento per il mesotelioma è ancora inferiore al previsto. In questo contesto, il ruolo delle istituzioni per la salute e la sicurezza nell'aumentare la consapevolezza e la consapevolezza dei diritti delle prestazioni di compensazione dovrebbe garantire pari opportunità per tutti i lavoratori esposti e l'efficienza dell'assicurazione.

E' per questi motivi, che oggi più che mai (con l'esplosione dell'uso del bonus 110%), diventa fondamentale la campagna di informazione e sensibilizzazione dei lavoratori e dei cittadini in generale sul rischio concreto di esposizione casuale all'amianto lanciata dall'Ente Unico Formazione e Sicurezza in Edilizia dal titolo "occhioallamianto", campagna condivisa da tutte le parti sociali del settore delle Costruzioni. 

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter