Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

contrattazione inclusiva titolo 1200

12.08.16 Per la Fillea Cgil è sicuramente una buona notizia l'assegnazione da parte del CIPE di circa 133 milioni a completamento del finanziamento Pon destinato alla manutenzione e restauro di importanti monumenti nel Sud del Paese, ma il segretario generale Alessandro Genovesi chiede al Ministro Franceschini "se tali lavori di restauro avverranno ancora in violazione delle leggi e del Codice degli appalti, applicando un Ccnl non rappresentativo che toglie diritti e salari ai lavoratori. Al riguardo diffidiamo il Ministro Fransceschini a continuare in tali sistematiche violazioni delle norme e, aggiungeremmo, del buon senso. Uno schiaffo che i tanti lavoratori del settore certo non si meritano e a cui bisogna riconoscere un giusto salario, gli accontonamenti in Cassa Edile e comunque quegli standard di sicurezza e formazione che non possono essere degli optional."

Dalla Fillea, che sul tema della violazione del Codice Appalti da parti del Mibact ha lanciato nei giorni scorsi una campagna di informazione sui social con l'hashtag #MibactBattiUnColpo", l'invito anche alle singole Regioni "a vigilare perché tali misfatti non si compiano. Un contratto pirata,  perché tale è un contratto firmato da organizzazioni non rappresentative che toglie salari e diritti, è la negazione di ogni idea di sviluppo e di tutela del nostro patrimonio, degna di questo nome. E non stiamo parlando di lavoro per pochi spiccioli o di monumenti qualsiasi - prosegue il leader degli edili Cgil -  nel dettaglio, i finanziamenti complessivi (tra quelli vecchi ed i nuovi deliberati dal CIPE) daranno corso a 32 progetti di restauro in Campania (per un totale di 137,8 milioni), 6 in Calabria (11 milioni), 20 in Puglia (68,2 milioni), 9 in Basilicata (26,4 milioni) e 19 in Sicilia (57 milioni). Si tratta, complessivamente di oltre 300 milioni, ai quali vanno aggiunti i costi di progettazione e di assistenza tecnica."

Tra i beni interessati dai lavori di restauro e valorizzazione, i castelli Svevi di Trani e Brindisi, la Reggia di Caserta, il parco archeologico e il museo di Paestum, il Palazzo Reale di Napoli, il parco della Valle dei Templi ad Agrigento, il parco archeologico di Siracusa e quello di Gela "in questi cantieri verranno rispettate le norme contenute nel codice appalti e ribadite dalla nota del Ministro Poletti? Oppure, chi restaurerà la Reggia di Caserta o la Valle dei Templi sarà ancora sottopagato?" chiede Genovesi "il Ministro Franceschini ed i Presidenti di Regione battano un colpo! Noi come sempre siamo pronti a trovare insieme soluzioni, purché si parta sempre dal rispetto delle leggi e dei contratti collettivi firmati da chi è realmente rappresentativo, anche a tutele delle stesse imprese e degli stessi professionisti che vogliono competere sulla qualità, in settori delicati e a forte innovazione, come quelli del restauro e della manutenzione del patrimonio artistico italiano."

 

 

 #MibactBattiUnColpo

 

Qui trovate il video della campagna e maggiori informazioni 

 

 
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter