Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

sindacato nuovo1200x333

Numero Zero Sindacato Nuovo, aprile 2019. Perché è importante votare e perché i partiti populisti sono pericolosi. Di Sam Hagglund, segretario generale Fetbb (Efbww), la Federazione Europea dei Lavoratori delle Costruzioni

"Ciò deriva dal fatto che le elezioni al Parlamento europeo sono viste come più astratte e più lontane dalle considerazioni quotidiane delle persone. Vorrei spiegare in questo articolo che è fondamentale votare alle elezioni europee per proteggere gli interessi vitali e i diritti dei lavoratori e dei cittadini e impedire ai partiti populisti di prendere piede nel Parlamento europeo. 

Rappresento la Federazione europea dei lavoratori delle costruzioni e del legno Fetbb che organizza più di 70 sindacati in 32 paesi e rappresenta 2 milioni di lavoratori. Nei 12 anni in cui ho lavorato nell’Efbww, la federazione ha fatto la differenza in Europa. Siamo riusciti a fermare le proposte che avrebbero messo in pericolo i diritti dei lavoratori. Abbiamo esercitato pressioni per "parità di retribuzione a parità di lavoro" nella direttiva sul distacco dei lavoratori, che ha portato a una direttiva rivista con notevoli miglioramenti per i lavoratori distaccati e migliori possibilità di lotta contro il dumping sociale.

Personalmente, ho visto l’Unione europea come un progetto di civiltà, come un modello di cooperazione per impedire ai suoi Stati membri di iniziare una guerra l’uno contro l’altro  e per preservare la democrazia e lo stato di diritto. Questo doveva essere fatto legando gli Stati membri più vicini gli uni agli altri attraverso il dialogo e il commercio. A tale riguardo, il progetto Ue ha avuto successo; mai prima d’ora, durante la storia di 2500 anni d’Europa, ci sono stati 60 anni senza che le grandi potenze combattessero l’una contro l’altra.
 Ma allo stesso tempo, mai prima d’ora le basi dell’Ue sono state attaccate come sono oggi.

La nostra federazione sta lottando per i diritti e i miglioramenti sociali dei lavoratori in Europa, ma non dobbiamo dimenticare che la democrazia e lo stato di diritto sono una precondizione per tutto ciò. E ci sono ancora più diritti fondamentali,  come la libertà di parola e  la libertà di stampa.

Se giornalisti, cittadini e lavoratori non sono in grado di criticare i politici, non importa nient’altro. E ricordiamoci, quando la libertà di parola è limitata, normalmente non è attraverso leggi e  regolamenti, è insinuando la paura nelle menti dei critici. 

Durante gli ultimi 18 mesi, un certo numero di giornalisti  investigativi sono stati assassinati in Europa. Alcuni di questi omicidi si sono verificati nei paesi dell’Ue e alcuni nei paesi dell’Europa orientale al di fuori dell’Ue. 

Alcuni di questi omicidi si sono verificati nei paesi dell’Ue e alcuni nei paesi dell’Europa orientale al di fuori dell’Ue.Alcuni esempi: nell’ottobre 2017, Daphne Caruana Galizia è  stata uccisa a Malta quando un’autobomba è  esplosa vicino a casa sua. Nel febbraio 2018,  il giornalista investigativo Jan Kuciak è stato ucciso a colpi d’arma da  fuoco nella sua casa in Slovacchia.

Nell’ottobre  2018, la giornalista bulgara e conduttrice  televisiva Victoria Marinova è stata violentata  e percossa a morte. E nel novembre scorso in Ucraina, la giornalista investigativa e attivista anti-corruzione Kateryna Handzyuk è morta dopo essere stata attaccata con l’acido. Questi attacchi violenti stanno minando lo stato di diritto e la libertà di parola in Europa, e mirano a mettere a tacere i critici e i giornalisti. Non dobbiamo permettere che questo accada. 

Dobbiamo anche lottare contro le restrizioni alla democrazia intraprese dai governi di Ungheria e Polonia. Le sanzioni dovrebbero essere utilizzate per fare pressione su questi governi. Uno dei motivi per votare alle elezioni del Parlamento europeo è impedire ai partiti populisti di diffondersi in Europa.

Il populismo è pericoloso perché naviga sotto una "falsa bandiera". Spesso usa la retorica della sinistra per fare appello ai lavoratori, ma se i populisti salgono al potere questa retorica viene spesso rovesciata. Dobbiamo ricordare che tutti i movimenti fascisti nella storia hanno avuto inizio come movimenti "populisti", qui in Italia come in tutto il mondo. 

Due recenti esempi di quando i movimenti populisti hanno devastato i lavoratori e i cittadini di un paese sono il referendum sulla Brexit e il processo politico nel Regno Unito e le elezioni presidenziali statunitensi che hanno eletto un populista alla presidenza.
Le conseguenze della disinformazione e delle falsità presentate dagli attivisti della Brexit durante la campagna sono ora evidenti per la maggioranza dei cittadini nel Regno Unito. I diritti dei lavoratori saranno smantellati e l’economia e l’occupazione nel Regno Unito subiranno forti colpi negativi.

Negli Stati Uniti, due terzi della popolazione hanno ora scoperto che il presidente eletto – in parte a causa di un basso tasso di partecipazione alle elezioni – sta lavorando principalmente per promuovere gli interessi finanziari privati suoi e della sua famiglia, e in questo senso non è diverso da altri leader autocratici in tutto il mondo.


Le organizzazioni associate alla Fetbb hanno organizzato una cooperazione con partiti politici di diverse sfumature e orientamenti, come socialdemocratici, socialisti, partiti di sinistra, democratici cristiani e partiti verdi. Ma nessuna delle organizzazioni membro della Fetbb sostiene e collabora con i populisti, perché questi partiti sono fondamentalmente non democratici. "

Vai al Pdf del Numero Zero 

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter