Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

sindacato nuovo1200x333

Numero Zero Sindacato Nuovo, aprile 2019. Contratto edilizia, un Ccnl che guarda al futuro. Di Antonio Di Franco

Più risorse per i lavoratori e per le imprese, più protezione e sostenibilità sociale, razionalizzazione degli Enti bilaterali: queste le caratteristiche salienti del Ccnl dell’edilizia Industria-Coop siglato lo scorso 18 luglio, confermando tutti gli obiettivi che con Filca e Feneal ci eravamo posti.


Dopo dieci anni di crisi dell’edilizia, il SIstema delle Casse Edili e degli Enti unificati è entrato in difficoltà, in molti casi smettendo di erogare prestazioni ai lavoratori e servizi alle imprese: la nostra proposta, accettata dalle controparti, punta al rilancio del Sistema, garantendo risorse finanziarie e servizi socio-sanitari ai lavoratori.

Vediamole in dettaglio. 

  • Welfare. Innalzato da 8 a 10 euro mensili il contri- buto obbligatorio per Prevedi, il sistema previdenziale integrativo di settore. Incrementato, a carico delle imprese, l’ex Fondo lavoro usuranti (da 0.10% a 0.20% del monte salari), trasformandolo in Fondo Prepensionamenti, che consentirà ai lavoratori vicini alla pensione di uscire anticipatamente con il sostegno delle Casse edili. Concretamente, i lavoratori che perdono il posto di lavoro e che entro un massimo di tre anni (compresa la Naspi) riescono ad agganciarsi alla pensione, avranno un contributo previdenziale (versamenti volontari) e retributivo per i mesi mancati al pensionamento (max 12). 
  • Ricambio generazionale. Viene istituito un Fondo incentivo all’occupazione, finanziato con un 0.10% a carico delle imprese, per favorire l’assunzione e la formazione di giovani. Chi vorrà assumere un giovane (max 30 anni) fruirà di uno sgravio contributivo sotto forma di bonus - formazione. Questa prestazione, insieme al Fondo Prepensionamenti, qualifica il settore dell’edilizia come l’unico che realizza un turn-over sostenibile finanziato interamente dal proprio Sistema bilaterale. 
  • Fondo Sanitario nazionale. Finanziato con lo 0.60% del monte salari a carico delle imprese, il Fondo rappresenta un salto di qualità nell’erogazione di prestazioni sanitarie delle singole Cassa edile/Edilcassa, prevedendo un’ampia offerta di prestazioni sull’intero territorio nazionale ed ampliando la platea dei lavoratori (operai ed impiegati) che potranno accedervi. 
  • Lavoratori Autonomi. Nell’ottica di una inclusione anche dei lavoratori a Partiva Iva che sostanzialmente svolgono attività uguali o simili ai lavoratori dipendenti delle imprese edili, è previsto un versamento volontario verso le Casse edili/Edilcasse per poter fruire delle prestazioni del Sistema bilaterale, dalla formazione alla pensione integrativa (Prevedi) 
  • Aumenti retributivi. L’aumento retributivo previsto è di 55 euro mensili a parametro 100 (operaio di I livello 71.50 euro, op. III livello), distribuito su tre tranche, la prima alla firma del Ccnl (1 luglio 2018), la seconda al 1 luglio 2019, la terza al 1 settembre 2020. 
  • Applicazione del Contratto. Data la complessità delle innovazioni introdotte, alcune Commissioni nazionali sono al lavoro per definire regolamenti e modalità di applicazione del Contratto, che si avvia entro l’estate alla sua completa applicazione su tutto il territorio nazionale. 

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter