Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

sindacato nuovo1200x333

Sindacato Nuovo, Novembre 2020. Le riflessioni di Camillo De Berardinis, Amministratore delegato di CFI Cooperazione Finanza Impresa s.c.p.a. su azioni e strumenti da mettere in campo.

Il sequestro dei beni illegalmente detenuti, che ha raggiunto negli ultimi anni una dimensione economica e finanziaria sempre più rilevante e incisiva, è un forte ed efficace strumento di contrasto alla criminalità organizzata, ma, nello stesso tempo, è il primo passo di un percorso delineato dal codice antimafia con le norme relative alla gestione e alla destinazione dei beni, che ha la finalità di “risanare” e restituire il bene alla collettività.

 Per realizzare questo obiettivo, molto complesso da perseguire, è importante che, fin dalla fase dell’amministrazione giudiziaria, si creino le migliori condizioni per arrivare con la confisca definitiva alla destinazione dei beni e che tutti gli attori coinvolti nelle varie fasi della “filiera” operino in modo integrato. I protocolli d’intesa sottoscritti tra i Tribunali di Roma e di Milano, l’Agenzia Nazionale per la destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati (ANBSC) alla criminalità organizzata, le organizzazioni imprenditoriali, sindacali e CFI si prefiggono proprio questo scopo.

Rafforzare la collaborazione tra istituzioni e forze economiche e sociali è essenziale, ma questa politica va sostenuta con strumenti di intervento e risorse in grado di rispondere a due esigenze prioritarie, l’accesso al credito e l’inserimento di competenze manageriali/imprenditoriali.

Per rispondere a queste esigenze, con Decreto del Ministro dello Sviluppo economico del 4 novembre 2016 è stato creato un fondo agevolato gestito da Invitalia destinato alle aziende sequestrate e confiscate, con la finalità di sostenere il fabbisogno finanziario circolante; gli interventi per la tutela dei livelli occupazionali, l’emersione del lavoro irregolare,  la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro;  gli investimenti produttivi e i processi di ristrutturazione e riorganizzazione aziendale. 

PROSEGUI LA LETTURA  pag. 13 

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter