Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

sindacato nuovo1200x333

Sindacato Nuovo, Novebre 2020. Il segretari onazionale Antonio Di Franco illustra il contenuto dell’accordo sulle code contrattuali per il settore dell'edilizia, un accordo all’insegna di più tutele e più legalità.

L’accordo siglato lo scorso 10 settembre tra Fillea Cgil, Filca e Feneal e le Controparti datoriali del settore edilizia, segna la conclusione del percorso contrattuale iniziato il 18 luglio 2018.

Un percorso complicato soprattutto dalle contraddizioni sorte all’interno della compagine datoriale che hanno molto rallentato l’attuazione delle disposizioni concordate nel rinnovo contrattuale.

In ogni caso, grazie alla determinazione del sindacato e al grande lavoro svolto nelle Commissioni contrattuali, si è giunti ad una positiva conclusione del percorso, che ci consegna un punto di avanzamento oggettivo anche in vista del prossimo rinnovo.

Rateizzazioni

Si stabiliscono delle norme valide su tutto il territorio nazionale al fine di uniformare le modalità di rateizzazione delle aziende morose che vogliono regolarizzarsi. Al fianco delle fideiussioni bancarie e/o assicurative, c’è ora la possibilità di accettare cambiali come unici strumenti di pagamento. I tempi della rateizzazione sono differenziati rispetto all’importo rateizzato: 6 mesi (fino a 5.000 euro); 12 mesi (da 5001 euro a 15.000 euro); 18 mesi (da 15.001 euro a 30.000 euro); 24 mesi (oltre 30.000 euro). Le prime rate versate dalle aziende andranno a copertura del GNF dei lavoratori fino a concorrenza del debito. Le imprese inattive o sospese, qualsiasi sia il debito, devono estinguerlo entro 18 mesi.

Congruità

Si è finalmente dato seguito all’avviso comune sulla Congruità contenuto nel CCNL del 2010. Da ottobre 2020 è iniziata, a livello nazionale, una fase sperimentale di applicazione del Durc per Congruità che terminerà il 30 giugno 2021. Dal luglio 2021 il Durc per congruità entrerà a regime. In un’apposita tabella sono definiti gli indici di congruità per tipologia di lavorazione al di sotto dei quali l’azienda è invitata a regolarizzarsi. In caso contrario risulterà irregolare. Il calcolo della congruità si effettuerà, per i lavori pubblici, al SAL finale, per i lavori privati, al completamento dell’opera.

 

PROSEGUI LA LETTURA, pag. 7

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter