Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

sindacato nuovo1200x333

Sindacato Nuovo, Novembre 2020. Le riflessioni di Vincenzo Visco, economista,   sulla situazione economica internazionale ed europea, il Recovery Fund, e la ripresa italiana.

Prima della seconda ondata dell’epidemia il FMI stimava che nel 2020 il Pil globale si sarebbe ridotto fra il 3 e il 5%: è bene ricordare che la contrazione successiva alla crisi finanziaria del 2007-08 fu invece solo dello 0,1%. Per il 2021 si prevedeva un rimbalzo consistente, senza che l’economia mondiale tornasse però ai livelli pre-covid.  La perdita in termini di Pil tra il 2020 e il 2021 avrebbe potuto raggiungere i 9.000 miliardi di dollari, un ammontare superiore al Pil delle economie di Giappone e Germania messe insieme. La attuale ripresa dei contagi aggraverà la recessione per l’anno in corso, e allungherà i tempi di recupero delle economie negli anni a venire. Un disastro vero e proprio.

 Per la zona euro era prevista una contrazione dell’8-9% nel 2020, e un rimbalzo del 6,1 nel 2021. Ma anche questa previsione è diventata inattendibile a causa della recrudescenza dell’epidemia. Fra i Paesi sviluppati solo la Corea del Sud, Taiwan e pochi altri (e la Cina che però è una storia a parte) hanno limitato i danni in quanto sono stati in grado di affrontare l’emergenza forti di precedenti esperienze e con sistemi di tracciamento e controllo efficaci, non confrontabili con quelli introdotti in occidente, volontari e condizionati dall’individualismo prevalente e dalle assurde ossessioni delle autorità a tutela della privacy. In buona sostanza, in Occidente la tutela delle libertà individuali è stata considerata più rilevante della difesa dell’interesse collettivo (salute ed economia). Può apparire una valutazione estrema, ma è esattamente quello che è avvenuto. Ciò dovrà essere motivo di riflessione soprattutto nel contesto della rivalità Usa/Cina: la superiorità del modello asiatico in questo frangente è risultata evidente.

PROSEGUI LA LETTURA, pag. 5

facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter