Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

 14.01.13 La direzione italiana di Holcim ha annunciato, in un incontro con le Rsu ed i sindacati, l'avvio di interventi sulla produzione e sull’intera struttura presente in Italia che comporteranno 180 esuberi (155 sul comparto cemento e 25 sul calcestruzzo), un terzo dei 540 addetti totali degli stabilimenti italiani del colosso mondiale del cemento e aggregati. Lo fanno sapere le segreterie regionali di Fillea Filca Feneal che illustrano il piano dei tagli e annunciano la mobilitazione generale.

Previsti 95 esuberi nello stabilimento di Merone "trasformato in centro di macinazione, mentre lo stabilimento di Ternate diventerà centro unico del gruppo di produzione del clinker funzionando ad un solo turno al reparto insacco, dove gli esuberi saranno 23" raccontano in una nota Fillea Filca Feneal della Lombardia.
Chiuso il centro logistico di Morano Po, con 5 esuberi, mentre il "reparto manutenzione sarà unico e mobile spostandosi tra le varie unità produttive. L’intervento sulle strutture di supporto del gruppo comporterebbe 28 esuberi. Per quanto concerne il ramo di azienda Calcestruzzi, saranno chiusi gli impianti di betonaggio di Cairate, Lurate, Cergnago e sono in valutazione di chiusura gli impianti di Valenza Po e di Spinetta Marengo per un totale di 25 esuberi."
Per i sindacati  "gli interventi previsti dall'azienda agiscono solamente sulla riduzione del costo del lavoro scaricando sui lavoratori e sulle loro famiglie il peso della crisi. Manca un piano industriale di rilancio del marchio Holcim in Italia, mancano gli investimenti sia produttivi che finanziari, manca un piano di intervento nell’ambito del settore commerciale per conquistare quote di mercato facendo leva sull’elevata qualità dei prodotti Holcim, mancano interventi per ridurre il costo dell’energia, che rappresenta il costo di produzione in assoluto più alto, non è stato annunciato alcun intervento sulla riduzione dei costi delle linee di credito per ottenere denaro dalle banche."
Per questi motivi "abbiamo respinto quanto l’azienda ci ha presentato e abbiamo proclamato lo stato di agitazione nel gruppo Holcim Italia."
La mobilitazione si articolerà con "il blocco delle prestazioni straordinarie e in flessibilità, la proclamazione immediata delle assemblee dei lavoratori e sciopero di 8 ore per turno per il 16 gennaio" con manifestazione regionale ed assemblea aperta dei lavoratori davanti alla portineria centrale dello stabilimento di Merone. Appuntamento alle 10.

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter