Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Agenda FilleaFlickr FilleaTube twitter 34x34 facebook 34x34 newsletter mail 34x34 busta paga 40x40Calcola
la tua busta paga

domani ci sara logo 1200

15.01.13 I 102 dipendenti della ditta Semat appaltatrice dell'Ilva a cui era stata  ecapitata la lettera di cassa integrazione, hanno trovato i badge smagnetizzati e gli uffici chiusi. Lo rende noto il segretario provinciale della Fillea Cgil, Luigi Lamusta, secondo il quale si tratta di una "rappresaglia dell'azienda con l’intento di abbassare costi e diritti".


I lavoratori della Semat, ditta del gruppo Trombini, oggi hanno aderito allo sciopero di 8 ore per ogni turno indetto dai sindacati di categoria e hanno manifestato in corrispondenza dei varchi Ilva di Taranto destinati all'ingresso dei mezzi pesanti.
"Mentre 102 lavoratori - sottolinea Lamusta in una nota - restano fuori, i cancelli dei cantieri, con il benestare dell’Ilva si aprono ad altri operai che presto potrebbero finire nel tritacarne messo in atto dal Gruppo. E' paradossale - afferma ancora - il ricorso a lavoratori a contratto a tempo negli stessi cantieri dello stabilimento che un tempo occupavano gli edili della Semat".
Si tratta, secondo Lamusta, di "operai assunti con contratti precari da un'altra azienda del Gruppo, la Semat Engineering". I sindacati "chiederanno di convocare al piu' presto le parti", ma - spiega Lamusta - si tratta "di un lavoro difficile visto che ci troviamo di fronte ad un Gruppo imprenditoriale che adopera lo strumento delle scatole cinesi e devia le commesse a suo piacimento".

 

fonte AGENZIA ANSA

NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato sulle attività Fillea? Compila il modulo sottostante e riceverai periodicamente la nostra newsletter.
facebook youtube twitter flickr
agenda busta paga mail newsletter